Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Promozione - girone D

Acqui, Torino è ancora amara: 4 reti dal Cit

La doppietta di Massaro non basta: il Cit Turin rimonta e si porta a tre punti dai termali, a rete con una doppietta di Massaro
TORINO - Brutta sconfitta per l'Acqui di Merlo, rimontato e sconfitto per 4-2 in casa del CIT Turin e ora solamente a +3 in classifica dalla formazione allenata da mister Garau. Una partita a due facce per la formazione ospite, autrice, su un campo intriso d'acqua, di un ottimo primo tempo e di uno specularmente pessimo secondo tempo.

L'occasione del gol, dopo soli 5': Controverso ha sui piedi un pallone da rinviare rapidamente e su di lui si avventa Massaro. Il rilancio del portiere colpisce la coscia dell'attaccante e schizza all'indietro, così carica d'effetto da descrivere un arco attorno al palo della porta, concedendo a Massaro il tap-in in rete per l'1-0. Un vantaggio che l'Acqui legittima con un primo tempo autoritario, dove il Cit non è mai messo nelle condizioni di ripartire. Anche la ripresa inizia sulla falsariga, ma solo brevemente. Dall'altro lato mister Garau cambia la squadra, inserendo Salvador a sinistra per un assetto ultraoffensivo, che subito ripaga al 12': su rimessa laterale battuta tesa in area, torre di Cattaneo sul primo palo e sul secondo arriva Gagliardi che di piatto fa 1-1. Subire su fallo laterale non è indice di grande concentrazione, ma ora l'Acqui va proprio in bambola: passano 4' e Gallo su un traversone dalla trequarti mette in corner un pallone che poteva tranquillamente bloccare. Dalla bandierina, cross teso al centro, incornata di Moncalvo e siamo 2-1. Due gol in pochi minuti sono un colpo da ko: l'Acqui fatica a riprendersi, e il Cit quando riparte è sempre pericoloso. Chiude il conto al 25', con un capolavoro di Gagliardi, che sul vertice sinistro dell'area ha la palla sul destro, la sposta di esterno e la chude di interno “alla Del Piero”: pallone sotto l'incrocio, e ciao ciao Acqui. Restano venti minuti, in cui Merlo si gioca le carte Gai e Rossini, senza però grandi risultati. Solo al 47', su una punizione a due dai diciotto metri, Massaro insacca nell'angolino e riaccende un barlume di speranza, che però si spegne nel giro di trenta secondi: con l'Acqui tutto avanti, il Cit riparte due contro uno, il primo tiro di Gigante trova pronto Gallo, ma sulla respinta Salvador chiude i conti per il 4-2 finale. 


CIT TURIN - ACQUI 4-2
Reti: pt 5' Massaro; st 12' Gagliardi, 16' Moncalvo, 25' Gagliardi, 47' Massaro, 48' Salvador

Cit Turin (4-3-1-2): Controverso 5; Bonaveri 6, Cirillo 6.5, Moncalvo 6.5, Canta 5.5 (7' st Salvador 7) ; Cattaneo 6.5, Panarese 6.5, Sandiano 6; Gianarro 6.5 (40'st Guacchione ng); Manusia 6 (43' st Gigante ng), Gagliardi 7 (32'st Sega ng). A disp.: Comito, Sorrentino, Osson. All.: Garau
Acqui (4-3-3): Gallo 5; Perelli 6, Acossi 5.5, Morabito 6, Mirone 6; De Bernardi 6 (20'st Roveta 5.5), Rondinelli 5.5, Cavallotti 6.5; Campazzo 5.5 (25'st Rossini 6), Massaro 7, Motta 6 (20'st Gai 5.5). A disp.: Rovera, Bernardi, Aresca, Manno. All.: Art.Merlo

Arbitro: Carano di Torino 6.5 (Nuvoli e Mazzucchi di Torino)

 
12/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali