Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Monferrato

Le Panchine Giganti fanno capolino nel Monferrato

Sulle colline del vino buono patrimonio Unesco spopolano le panchine fuori misura, attrazione semplice e simpatica su cui costruire un percorso turistico. Solo dei volontari possono realizzarla, a condizioni ben precise
 MONFERRATO - Sedersi su una delle cinquanta panchine panoramiche sparse per Monferrato e Langhe è un po' come tornare bambini. Un gesto semplice, rilassante (sono tutte posizionate in luoghi panoramici), qualcuno promette addirittura che si tratti di un'esperienza intensa, intima.

Non sono panchine qualsiasi, bensì giganti. L'idea, non nuova, era venuta nel 2010 al designer di automobili Chris Bangle a Clavesana, dove vive dopo aver lasciato il settore auto ed aver aperto una sua società sulle colline del cuneese. Ad essere nuovo è il contesto in cui vengono installate le Big Benches: “È una grande lezione nell’utilizzo dell’innovazione contestuale. Siamo così ossessionati dallo scoprire cose sempre nuove che spesso ci neghiamo l’interessante esperienza di sperimentare cose ben conosciute ma in un contesto diverso”.

La sua panchina era stata 'assalita' dai visitatori che fu quasi automatico proporla sulle colline Unesco, ma con un protocollo ben definito da seguire per la loro realizzazione.

Le panchine sono fatte per rilassarsi, a differenza di una sedia o di una poltrona sono larghe abbastanza da accogliere più amici. Sedersi su una panchina è un gesto sociale piacevole, e fare buon uso di tutta l’energia positiva che le Panchine Giganti emanano è la visione alla base del Big Bench Community Project.

Sono già una cinquantina le grandi panchine costruite sulle colline, alcune anche in provincia di Alessandria: a Sala e Rosignano Monferrato, Strevi, Merana. Per poter costruire una grande panchina le regole sono ferree: fondi o manodopera volontaria, nessuna sovvenzione pubblica deve essere usata per la sua realizzazione. Non si può costruire ovunque si voglia: la Grande Panchina deve essere rivolta verso un punto con vista panoramica e contemplativa, ed essere liberamente accessibile al pubblico.
Lontana da edifici di culto, cimiteri, monumenti, edifici vincolati, strade. Non all’interno di parchi giochi, né troppo vicina ad abitazioni private.
Non è necessario dover arrivare in macchina alla Grande Panchina, se serve una piccola camminata per raggiungerla è molto meglio. L’accesso alla panchina deve essere libero ed aperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.
24/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo