Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Acqui Terme

Undici pietre d'inciampo per ricordare i deportati nei lager

Il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau
ACQUI TERME - Dopo Alessandria e Novi, e prima di Piasco(Cn), l'artista tedesco Gunter Demnig poserà undici 'sampietrini' con i nomi dei deportati acquesi, in ricordo delle vittime delle deportazioni naziste. Sono le pietre d'inciampo un'iniziativa proprio di Demnig che gira in tutte le città d'Europa per depositare in modo definitivo, tra le pietre di strade e piazze, i nomi di chi perì nella shoah. 

Ad Acqui Terme, il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau. E non fecero più ritorno. 

"Le ‘Pietre di Inciampo’ sono un invito tangibile a riflettere, ricordare e non dimenticare", ha sottolineato l’Assessore alla Cultura Alessandra Terzolo. "Questi undici sampietrini dedicati ai nostri concittadini vittima dell’Olocausto rappresentano un monito, affinché non succeda mai più".

L’installazione delle “Pietre" fa parte di un più ampio calendario dedicato alla Giornata della Memoria di fine gennaio.

La posa prevede sette momenti di riflessione. Da Piazza Levi, sede del Palazzo municipale donato nel 1909 ad Acqui dal cittadino di religione ebraica Abram Levi si andranno a toccare i luoghi in cui intere famiglie sono state distrutte dalla follia delle deportazioni. L’itinerario si concluderà in via Saracco, in prossimità dei portici antistanti l’ingresso di quella che fu la locale Sinagoga.
 
12/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre