Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Bergoglio 3.0: "ecco come salvare la Cittadella con un festival musicale da almeno 80 mila partecipanti all'anno"

In un convegno di respiro europeo è stato rilanciato il progetto di partenariato pubblico-privato nato con l'obiettivo di finanziare con fondi privati il pieno recupero della fortezza, grazie a un evento all'anno capace di guadagnare decine di milioni di euro e portare turisti da tutto il continente. I promotori fanno sul serio e anche il Ministero apprezza
ALESSANDRIA - "Se anche la Cittadella si potesse recuperare completamente con fondi pubblici - e ad oggi non esiste un progetto del genere - senza un piano concreto per dare continuità agli investimenti dopo una decina d'anni o poco più, nonostante milioni di euro impiegati, la fortezza sprofonderebbe nell'incuria e nell'abbandono. Per garantirle il pieno recupero va posta al centro di un progetto che le garantisca un gettito di fondi 'propri', da reperire in ambito privato, capace di generare interventi costanti nel tempo". 

E' questa la motivazione che ha spinto un gruppo d'imprenditori privati a pensare, ormai da anni, al progetto Bergoglio 3.0, un piano di partenariato pubblico-privato che attraverso la creazione di un festival musicale multigenere (da realizzare sugli spalti della fortezza) ha l'obiettivo di puntare sulla cultura per dare un futuro concreto alla Cittadella.

"In Europa sono circa 6 milioni gli abitanti che ogni anno si spostano per seguire i grandi festival musicali - spiega Emiliano Poggio, fra i promotori del progetto - il 40% partecipa ad almeno due eventi l'anno. I numeri dei grandi festival raccontano di decine di migliaia di turisti in circa 10 giorni non stop dedicati alla musica: il più importante evento europeo, il Sziget Festival di Budapest, costa ogni anno circa 10-12 milioni di euro ed è capace di ricavarne circa 90. Se anche Alessandria arrivasse nel tempo a fare la metà di questi profitti con un suo festival, staremmo comunque parlando di qualche decina di milioni euro da poter reinvestire sulla fortezza, in modo da recuperarla un pezzo alla volta, ponendola come volano per lo sviluppo di altri progetti correlati capaci di coniugare cultura e sostenibilità economica. Senza contare che gli studi dimostrano come tanti partecipanti ai festival scelgano poi di tornare anche in altri occasioni per visitare il territorio. La posizione di Alessandria è strategica, sia per dove è collocata, al crocevia di una rete di collegamenti viabili, aereo-portuali e ferroviari molto interessante, sia perché è alle porte del Monferrato".  

Lo scorso primo marzo i creatori e promotori di Bergoglio 3.0 hanno illustrato, durante una conferenza stampa e alla presenza delle istituzioni cittadine, le basi e la direzione del progetto dedicato alla Cittadella di Alessandria. È stato il primo di una serie di incontri con la città di Alessandria per raccontare ed approfondire la discussione sul più importante monumento nazionale del territorio glocale (da candidare magari nel tempo, insieme a fortezze simili in Europa, a un riconoscimento Unesco come patrimonio dell'Umanità). 

Lunedì 15 ottobre 2018, presso la sala del Broletto di Alessandria all’interno del Palatium Vetus sede della Fondazione della Cassa di Risparmio di Alessandria, si è tenuta la conferenza a chiusura dei percorsi intrapresi, dal titolo “3.R • Roots Renew Relive“.

Nell’ambito del “Cultural Heritage PPP Road Show – Participatory Processes Between Public and Private” (Il Patrimonio Culturale e i Processi Partecipativi tra Pubblico e Privato), premiato con il marchio EYCH (#EuropeForCulture), la Città di Alessandria, i promotori di Bergoglio 3.0, Culture Action Europe (CAE) ed Euradia – in concomitanza con l’anniversario della fondazione di Alessandria e con l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale – hanno così organizzato un convegno dedicato al Partenariato Pubblico-Privato come soluzione per il progetto Bergoglio 3.0 e al patrimonio culturale più in generale.

Si tratta in sostanza di un percorso proposto, dopo anni di studio, per la completa rigenerazione e la sostenibilità della Cittadella, "una reale opportunità per uno sviluppo culturale, sociale ed economico vero e profondo per la città e l’intero territorio", come spiegato dagli organizzatori e sostenuto da tanti relatori, alternatisi sul palco e in video conferenza da diversi paesi europei.

Il progetto ha raccolto finora l'apprezzamento tanto dell'amministrazione locale - sul palco sono interventi il sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco e il deputato Riccardo Molinari - quanto del governo, con il sottosegretario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Lucia Borgonzoni, facendo registrare interesse e disponibilità al sostegno anche da parte della Commissione Europea). 

"Quello che sembrava un sogno può diventare realtà" è stato il messaggio più volte rilanciato durante i numerosi interventi, che hanno offerto una carrellata di esperienze di partnership pubblico - privato che già funzionano in Italia e in Europa e approfondito i temi legati ai finanziamenti, con soluzioni, come quella legata al microcredito per finanziare i singoli progetti, che già esistono e sarebbero disponibili a offrire il proprio contributo. 

"Resta da capire quale formula potrebbe essere migliore per creare questo partenariato - ha sottolinato il sottosegretario Bergonzoni - se una fondazione o un consorzio".

Intanto sono confermati gli investimenti pubblici, circa 25 milioni di euro (300 mila euro sono già stati spesi per un primo consolidamento dei ponti di accesso), che serviranno per un piano di recupero almeno volto a salguardare le strutture. Se Bergoglio 3.0 venisse davvero avviato il piano d'investimenti previsto dai privati, grazie ai proventi del festival, potrebbe essere di decuplicato, con circa 350-400 milioni di euro in 10 anni, sufficienti, questa volta, al pieno recupero della fortezza.
16/10/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa