Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“C’era una volta Cascinagrossa”: in mostra giocattoli, foto e libri d'epoca

Nell'ambito della festa patronale del sobborgo, fino al 13 agosto l'esposizione nei locali della Biblioteca Popolare Serafino Bruna e del Centro giochi per l’infanzia Magicascina
ALESSANDRIA - Tra gli eventi organizzati nell’ambito dell’edizione 2017 della Festa Patronale di Cascinagrossa (dal 4 al 6 agosto e dal 15 al 16 agosto) quello della mostra C’era una volta Cascinagrossa ha una rilevanza particolare. Il giorno dell’inaugurazione della mostra un foltissimo pubblico era presente per apprezzare questa interessante novità espositiva con bambole, giocattoli, foto, libri illustrati: tutti d’epoca e tutti efficacemente collocati nei locali della Biblioteca Popolare Serafino Bruna e del Centro giochi per l’infanzia Magicascina in via Gramsci 7 di Cascinagrossa. La mostra rimarrà aperta fino a domenica 13 agosto dalle 17 alle 19 e vi è la possibilità di concordare anche visite personalizzate.

Un elemento importante che è stato sottolineato da Carluccio Bianchi, presidente della Biblioteca Popolare Serafino Bruna che insieme al Circolo Aics e alla Parrocchia, organizza la Festa Patronale 2017 è “il ruolo di promozione culturale svolto a Cascinagrossa dalla Biblioteca Popolare, fondata nel 1914 e che nel corso del 2017 ha riaperto i battenti dopo un lungo periodo di pausa”.

Dopo l’evento dello scorso 4 agosto (con la proposta dell’atto unico “Eco di un’antica storia”, a cura della Compagnia Filodrammatica Teatro Insieme, sulle origini della città di Alessandria), con la mostra inaugurata domenica, la Festa Patronale 2017 di Cascinagrossa ha dunque inserito questo secondo importante tassello finalizzato a sostenere e far conoscere le iniziative della Biblioteca Popolare Serafino Bruna.

Aspetti e obiettivi che sono stati colti dall’intervento del sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco il quale, mettendone in luce l’importanza, ha dichiarato, insieme agli assessori Formaiano e Fteita, come “l’Amministrazione Comunale intende sostenere tutto ciò che concorre a rivitalizzare la vita sociale, di relazione, economica e culturale anche dei Sobborghi, creando un sistema territoriale alessandrino sempre più coeso e attrattivo. Presenze come quelle della Biblioteca Popolare e, nel caso specifico, proposte come quelle della mostra che oggi inauguriamo — ha concluso Cuttica — non solo sono significative per l’originalità degli allestimenti e la ricchezza dei materiali esposti, ma evidenziano la forza di iniziative che sanno richiamare così tante persone per apprezzare suggestioni culturali in cui il passato dei 'C’era una volta' si unisce alla vivacità delle proposte di aggregazione sociale del tempo presente, in città come nei nostri sobborghi”.
8/08/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione