Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Centrale del Latte: in positivo il bilancio d'esercizio 2017/18

"L’utile raggiunto rappresenta un’importante inversione di tendenza, rispetto agli ultimi esercizi, e ci consente di guardare con più serenità al futuro" dichiara il Presidente della Centrale del Latte, Gian Paolo Coscia
ALESSANDRIA - La Centrale del Latte di Alessandria e Asti torna in positivo, con 18.272 euro di utile dopo le imposte (76.690 euro pre-imposte) e un progressivo miglioramento delle principali voci finanziarie: è questo il dato di maggior rilievo che emerge dall’Assemblea dei Soci che si è riunita ieri, giovedì 10, e che ha approvato all’unanimità il bilancio di esercizio 2017/2018. Il valore della produzione - in leggera flessione rispetto all’esercizio precedente - raggiunge la quota di 27.122.589 euro. Un calo legato essenzialmente alla generale flessione della spesa alimentare che perdura ormai da diverso tempo (la diminuzione è di oltre il 9,8% negli ultimi 10 anni secondo il Rapporto Coop 2018) e che colpisce in particolare il latte fresco e i prodotti tradizionali. 

“L’utile raggiunto rappresenta un’importante inversione di tendenza, rispetto agli ultimi esercizi, e ci consente di guardare con più serenità al futuro - dichiara il Presidente della Centrale del Latte, Gian Paolo Coscia. Negli ultimi mesi l’azienda ha intrapreso un corposo lavoro di semplificazione dei modelli organizzativi e produttivi che inizia a dare i suoi frutti. Ora occorre proseguire su questa strada per cogliere al meglio i trend positivi e affrontare le tante sfide che convergono sul mercato del latte e dei suoi derivati”. Il Direttore Generale, Franco Butti, sottolinea come tale risultato sia stato ottenuto tenendo la barra dritta su qualità e giusta remunerazione della filiera: “La Centrale ha continuato a confrontarsi con la sempre più esasperata concorrenza cercando di salvaguardare e incrementare la propria quota di mercato, evitando di rincorrere i competitori sul terreno di esagerata concorrenza promozionale o di prezzo”. 

La soddisfazione emerge anche nel commento del Vicesindaco e Assessore ai rapporti con le Partecipate del Comune di Alessandria, Davide Buzzi Langhi: “I risultati economici positivi della Centrale ci danno un’ulteriore spinta nell’azione politica che ci vede impegnati per superare le restrizioni della Legge Madia e restituire alle pubbliche amministrazioni le funzioni di garanzia e controllo sulla filiera lattiero-casearia. Per l’Amministrazione comunale è fondamentale il sostegno a una realtà storica come Centrale, in particolare per la promozione del benessere alimentare nei confronti delle nuove generazioni. In questo solco si colloca l’azione di coordinamento sui temi della salute e della sicurezza alimentare del Dott. Gabrio Secco e la scelta di Stefano Foglino, attuale Vice-Presidente della Centrale e da noi indicato, di rinunciare al relativo emolumento da amministratore”. 

Anche nell’esercizio appena chiuso il latte trasformato e venduto è stato conferito alla Centrale dalle 19 cascine piemontesi accuratamente selezionate e facenti capo al Centro Cooperativo Raccolta Latte di Alessandria e alla cooperativa Piemonte Latte di Savigliano, principali soci della Centrale, insieme al Comune di Alessandria, all’azienda Frascheri SpA, al Banco-BPM e al Comune di Novi Ligure. Per Francesco Rescia, da qualche mese Presidente del Centro Cooperativo Raccolta Latte, “i dati dimostrano che la strada intrapresa è quella giusta. In un contesto caratterizzato da profonde modifiche nelle abitudini alimentari e nei comportamenti dei consumatori, la scelta di puntare fortemente sulla sostenibilità dei processi, sulla filiera corta e sulla qualità dei prodotti sul lungo termine paga. Il mercato del latte resta molto complicato ma proprio per questo l’investimento costante sul nostro disciplinare di filiera e sull’origine piemontese ci porta a guardare con fiducia al domani. In questa direzione va, ad esempio, il nostro latte a lunga conservazione (UHT) 100% piemontese. E a breve presenteremo una nuova linea di prodotti per gli amanti del biologico”. 

Per Roberto Morello, presidente della Cooperativa Piemonte Latte (che raccoglie circa 300 produttori in tutta la regione), “le ragioni che un anno fa ci hanno portato a entrare in Centrale del Latte trovano oggi importanti conferme. Siamo fermamente convinti che un nuovo protagonismo agricolo e l’accorciamento della filiera diventeranno leve decisive per soddisfare le esigenze dei consumatori, sempre più attenti e consapevoli nelle scelte alimentari e nel valutare l’impegno sociale e ambientale delle aziende”.
11/01/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018