Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Cittadella anno zero: ancora a discutere di abusi e sicurezza

Nell'ultima commissione Cultura tenutasi a Palazzo Rosso diversi consiglieri hanno sottolineato i gravi problemi che ancora ci sono nella gestione della fortezza, fra utilizzi concessi senza la dovuta trasparenza, problemi di sicurezza e la mancanza di un regolamento che ne fissi con chiarezza gli utilizzi consentiti
ALESSANDRIA - Per calendarizzare al meglio i prossimi lavori della Commissione comunale dedicata a Cultura e Sport il presidente, Carmine Passalacqua, ha chiesto ai commissari di indicare quali siano a loro avviso le priorità di cui discutere, e ciò che ciascuno, per vocazione e competenza, si sentirebbe di seguire più da vicino. 

Fra i temi proposti il più ricorrente è stato senza dubbio quella della Cittadella, e gli argomenti da discutere a riguardo sono, purtroppo, sempre gli stessi, evidentemente non ancora risolti.

Dal Movimento 5 Stelle e dal Commissario di Forza Italia Maurizio Sciaudone sono arrivate le sottolineature più pesanti.

In particolare, è stato fatto notare durante gli interventi, sulla fortezza non c'è ancora chiarezza circa l'utilizzo dei fondi provenienti dal Ministero (25 milioni di euro complessivi) e da quelli che si potrebbero aggiungere dalla Regione, grazie ai fondi Por Fers (altri 7,5 milioni). Ma soprattutto non sono ancora stati risolti problemi organizzativi, di sicurezza e di regolamentazione circa l'utilizzo della stessa: "ci sono tante norme di sicurezza che non vengono applicate - hanno sottolineato i commissari dei 5 Stelle - e servirebbe un regolamento su chi può e chi non può utilizzare gli spazi della Cittadella, perché ci sono tante realtà che se ne servono senza aver mai ricevuto autorizzazione a farlo. Fra i casi più clamorosi c'è il bar, che è abusivo, senza nessun controllo da parte dell'Asl Al. Ma ci sono anche gruppi che lì si ritrovano con regolarità e depositi di materiali mai autorizzati. In più, ci sono spesso ragazzi che si aggirano ovunque a piedi o in bicicletta, senza preoccuparsi minimamente delle transenne o di eventuali recinzioni, agendo indisturbati e senza controlli".  

Dello stesso avviso è anche il commissario Sciaudone, che ha rincarato la dose: "è 10 anni che pongo sempre gli stessi problemi, a prescindere da chi stia governando, e che non ottengo risposte. Ultimamente in Cittadella è stata insediata una colonia felina, in un'area con la presenza di amianto abbandonato e pericoloso. Quando l'ho fatto notare alle persone che hanno portato lì i gatti sono stati quasi aggredito. Evidentemente la percezione è che nella fortezza si possa fare qualsiasi cosa nel disprezzo delle norme di sicurezza. Poi per fortuna sono stati fatti dei controlli e l'area è stata interdetta, ma è solo uno tanti casi che si ripetono.
Ci sono realtà ospitate in Cittadella, non si sa bene a che titolo, che hanno applicato modifiche anche significative a dei locali, senza averne alcuna autorizzazione: sono state perfino abbattute delle tramezze. E poi ci sono depositi di pneumatici, sempre abusivi, e altri materiali, anche pericolosi, che andranno smaltiti, e lo si dovrà fare a spese dei cittadini coinvolgendo ditte specializzate". 

Secondo il commissario Sciaudone, al primo posto andrebbe messa la sicurezza, ma c'è anche un problema di costi sostenuti oggi dalla collettività, per i quali servirebbe invece maggiore chiarezza, con la costituzione di un vero e proprio regolamento che fissi dei palezzi per l'utilizzo della struttura e un iter più trasparente. "C'è chi si trova lì anche alle 23, quando l'orario di chiusura sarebbe di molte ore precedente. Quando vengono fatti eventi e le pulizie sono a carico di Amag Ambiente, vale a dire di tutte noi, senza che agli organizzatori venga chiesto un contributo. Siamo noi cittadini a pagare le utenze, e poi c'è chi magari affitta gli spazi a 200 euro a stand, o anche di più.
Recentemente un'assocazione ha ottenuto di poter fare lì un weekend di attività, dedicate alla beneficienza, gratuitamente. Il risultato è che la due giorni è andata in perdita, con costi che hanno superato gli eventuali fondi raccolti, e quindi nulla è stato versato agli enti che si era scelto di sostenere. Anche su questo servono regole differenti". 
11/10/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Cuneo-Alessandria 0-2, il dopo gara
Cuneo-Alessandria 0-2, il dopo gara
Premio “Franco Marchiaro”: Griseri, Massone e Prato sono i vincitori
Premio “Franco Marchiaro”: Griseri, Massone e Prato sono i vincitori
Enzo Paci a SettimoCielo
Enzo Paci a SettimoCielo
“Se stasera siamo qui”: lo spettacolo per l'inaugurazione della mostra
“Se stasera siamo qui”: lo spettacolo per l'inaugurazione della mostra
Alessandria in merda
Alessandria in merda
Alessandria si accende : ecco le luminarie di Natale
Alessandria si accende : ecco le luminarie di Natale
Piacenza-Alessandria 3-2. Il dopo partita
Piacenza-Alessandria 3-2. Il dopo partita
Polizia Penitenziaria protesta davanti alla casa circondariale Catiello Gaeta
Polizia Penitenziaria protesta davanti alla casa circondariale Catiello Gaeta
Manifestazione della Polizia Penitenziaria, situazione insostenibile in Alessandria
Manifestazione della Polizia Penitenziaria, situazione insostenibile in Alessandria
Alessandria-Viterbese, le foto del post partita
Alessandria-Viterbese, le foto del post partita