Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

"Nessuna nuova moschea in città". Solo un trasferimento in via San Giovanni Bosco

A far scoppiare il caso una delibera di giunta che da l'ok al trasferimento della attuale sala di culto islamica della Comunità musulmana alessandrina da via Verona a via San Giovanni Bosco, dove sarebbe dovuta sorgere la Parrocchia Ortodossa Romena ‘Santo Gerarca Barlaamo di Moldavia’ che però è impossibilitata a finire i lavori....
 ALESSANDRIA - “La Comunità dei Mussulmani di Alessandria O.N.L.U.S trasferirà la sala di culto islamica, attualmente presente in via Verona, nei nuovi spazi di via San Giovanni Bosco a seguito di una cessione di diritto di superficie di cui la Giunta comunale ha preso atto con delibera: nessuna nuova moschea in Città, ma molto più semplicemente la risoluzione di problemi che da tempo si presentano in un’area centrale cittadina” con queste parole l’assessore al Patrimonio del Comune di Alessandria, Giovanni Barosini, ha commentato la notizia relativa alla costruzione di un nuovo luogo di culto islamico in città.

Tutto parte da una delibera della giunta di Palazzo Rosso che dà l'ok ad un passaggio di "cessione del diritto di superficie, già concesso alla Parrocchia Ortodossa Romena ‘Santo Gerarca Barlaamo di Moldavia’ a favore della ‘Comunità dei Mussulmani di Alessandria'". Una possibilità di cessione a terzi da parte della comunità romena sancita nell'atto che risale al 2011, vista la "impossibilità di effettuare i lavori dell’edificio di culto precedentemente autorizzato", soltanto dando comunicazione al Comune di questo passaggio.

A farsi avanti è stata la Comunità musulmana che si è mostrata interessata al subentro per procedere al trasferimento dell’attuale luogo di culto presente in via Verona nella nuova area di via San Giovanni Bosco, rimborsando alla Parrocchia Ortodossa Rumena la somma relativa agli anni non ancora goduti di diritto di superficie. "30 mila 480 euro, ovvero il prezzo riferito ai 92 anni non ancora goduti del diritto di superficie (che erano 99 in totale) essendone già trascorsi 7 e esonerando il Comune da tutte le spese necessarie per il perfezionamento di questo subentro" come si legge nella delibera.

Una presa d'atto dell'amministrazione (in attesa di progetto per dare l'ok definitivo) che viene vista come "una ottimizzazione degli spazi, alleggerendo un’area centrale della città troppo spesso molto congestionata" come spiegato dall'assessore Barosini, risolvendo problemi di viabilità e parcheggio.
Inoltre "i locali di via Verona saranno trasformati a spese della Comunità dei Mussulmani in abitazioni o destinati ad altri usi compatibili con il Piano Regolatore Generale vigente. Questa operazione non comporta alcun costo per l’amministrazione comunale e consente invece di risolvere alcune criticità che da tempo si presentano in quest’area” ha concluso Barosini.
17/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018