Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Finanziere accusato di corruzione, per la procura va condannato

Cinque anni di carcere è la pena che il pubblico ministero ha chiesto per il finanziare arrestato nel 2016 con l'accusa di corruzione e millantato credito. Soldi e regali in cambio di presunti favori ad imprenditori della zona
CRONACA - Uno stile di vita superiore alle ragionevoli possibilità per un “servitore dello Stato” aveva insospettito la Guardia di Finanza che, nel 2016, arrestò il collega Giuseppe Vendra, 57 anni, che ora si trova a dover rispondere di corruzione e millantato credito di fronte al tribunale di Alessandria. Nell'udienza di ieri, davanti ai giudici, il pubblico ministero Andrea Zita ha chiesto per il militare delle fiamme gialle cinque anni di reclusione e l'interdizione dai pubblici uffici.
Per Vendra erano scattate le manette insieme al collega Lucio Tanzilli, 47 anni di Alessandria nel maggio 2016. I due, entrambi accusati di corruzione, hanno però percorsi processuali differenti.
L'inchiesta, condotta dalla stessa finanza, ma dalle sezione di Tortona, aveva riguardato gli ultimi anni di attività, fino al 2016, appunto, quando emersero movimenti sui conti correnti e uno stile di vita considerato al di sopra della portata di un militare di pari grado, a partire dall'abitazione di Pecetto di Valenza, acquistata nel 2001 per 500 milioni: 600 metri di casa con annesso giardino da 4 mila metri, sulla sommità di una collina.
Secondo il perito della difesa ascoltato ieri in aula non si tratterebbe, tuttavia, di una dimora di lusso, per lo stato di manutenzione e i materiali utilizzati. Per il pubblico ministero si tratta comunque di una villa di grandi dimensioni.
Per condurre le indagini furono fatte indagini ambientali ed intercettazioni telefoniche e, quando le Fiamme Gialle ebbero elementi sufficienti scattò l'arresto.
L'inchiesta portò ad indagare anche tre imprenditori della Provincia, Giancarlo Massobrio, 45 anni, amministratore della Massobrio Company srl di Ovada, ditta distributrice di carburante; Antonio Tosanotti, 55 anni, amministratore di fatto e Stefania Grassi, 52 anni, amministratore di diritto, della Casa vinicola Costanza srl di Ovada. Da Massobrio, condannato in abbreviato, Vendra avrebbe ricevuto 750 euro in contanti; da Tosanotti e Grassi quattro cartoni contenenti sei bottiglie di vino Amarone ciascuno (valore complessivo, secondo la difesa, 79 euro. Non quantifica ma precisa che si tratta di “vino pregiato” il pubblico ministero).
La somma più cospicua Vendra l'avrebbe però ricevuta da un imprenditore orafo valenzano che lamentava come la Guardia di Finanza facesse troppi controlli, transitando o stazionando spesso davanti al suo laboratorio. L'imprenditore ne era infastidito e riteneva che la presenza dei militari turbasse in qualche modo clienti o fornitori. Si rivolse quindi a Vendra, affinché “facesse qualcosa”. Il finanziere che aveva prestato servizio a Valenza, anche se nel frattempo era stato spostato, acconsentì. Probabilmente, non avrebbe potuto intercedere (da cui l'accusa anche di millantato credito, oltre che corruzione) ma ci fu in ogni caso una trattativa: Vendra, secondo l'accusa, chiese 10 mila euro per sé e 2.500 per cinque altre persone: totale 22 mila euro. L'imprenditore era disposto a darne 18 mila. Quella fu infatti la cifra trovata nelle tasche dell'orafo, davanti a casa di Vendra. Secondo il pubblico ministero non era la prima volta che l'uomo sborsava quella somma. Il prossimo 13 giugno, sempre davanti al tribunale, parleranno gli avvocati della difesa, Alessandro Vallese e Lorenzo Crippa.
24/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018