Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Gli angeli dell'emergenza chiedono aiuto: "Cerchiamo nuovi volontari"

Le persone che quotidianamente di occupano di rendere meno difficile la degenza al Pronto Soccorso di Alessandria fanno un grande servizio, gratificante ma stressante. Ne servirebbero altri
 ALESSANDRIA - Chi è passato dal Pronto Soccorso di Alessandria almeno una volta in questi anni li ha incontrati, e li riconoscerebbe tra mille. Sono i volontari che ogni giorno rendono le attese e le degenze urgenti un po’ meno dolorose, faticose, penose. A coprire i turni di tre ore al giorno tutti i giorni, anche sabato e la domenica, fino alle 18 sono una ventina di persone, a volte anche meno.
Ma ne servirebbero molti di più. “In partenza eravamo 35”; ricorda Anna Tonelli, la coordinatrice dei volontari che da quando nel 2011 è partito il progetto “Accoglienza ed umanizzazione del Pronto Soccorso”, ha raccolto l’importante sfida di mettere insieme una ‘squadra’ di volonterosi per portare un po’ di sollievo ai pazienti.

“Il personale medico e paramedico è già preso da mille impegni”, dice Tonelli, già coordinatrice provinciale AISM: “Il nostro compito è quello di sdrammatizzare le situazioni, parlare con chi si sente solo, avvicinarsi alle persone e aiutare loro nei piccoli bisogni”. Si occupano anche di fare da collegamento con il parente che magari attende nella sala d’aspetto o addirittura contattarlo se non è presente. “Ogni richiesta è coadiuvata con il personale sanitario”; precisa la coordinatrice, che da quando è stato attivato il servizio si occupa, mensilmente, di stilare i turni in base alle disponibilità: “Eravamo molti di più in partenza, ma l’età media dei volontari al Pronto è alta, quasi tutti pensionati”. Tonelli fa capire che l’assistenza ai malati non è semplice, specie per chi lo fa solo con il cuore. “E’ faticoso ma gratificante, si riceve tanto amore, tanti ringraziamenti e ci sentiamo molto utili”.

Questa volta sono gli angeli dell’emergenza ad avere bisogno di una mano: “Avremmo bisogno di altre persone, nuovi volontari che continuino il servizio e lo alleggeriscano a chi da otto anni cerca con parole di conforto e piccoli gesti d’attenzione di alleviare preoccupazioni e sofferenze”.

Chi volesse avere ulteriori informazioni sul volontariato al Pronto Soccorso può contattare Anna Tonelli: 335/7187670.
23/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi