Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Incontro Amag con i soci. E scatta la polemica

Buzzi Langhi (Forza Italia) attacca l'azienda perché “non si possono prendere decisioni quando due soci come Alessandria e Acqui stanno per andare al voto”. De Capitani, presidente del gruppo: “Non è prevista alcuna decisione, solo una informativa sulle scadenze e gli adempimenti”
ALESSANDRIA – Ormai un qualsiasi atto è sufficiente a innescare la polemica politica in vista del voto dell'11 giugno. L'ennesimo fuoco alle polveri arriva da Forza Italia con Davide Buzzi Langhi, presidente del gruppo azzurro. La nota diffusa ieri punta dritta al presunto problema. “In queste ore – si legge - il presidente del gruppo Amag, Stefano De Capitani (foto), ha assunto l’iniziativa di convocare per domani (oggi, venerdì) gli azionisti (Alessandria detiene il 74,6 per cento della società) per illustrare un percorso di modifiche statutarie e di assetti societari ove vi è il rischio della perdita del ruolo di maggioranza del Comune di Alessandria, privando così gli alessandrini di un loro legittimo e prezioso patrimonio. Il periodo in cui avvengono queste manovre, sulla cui legittimità è inutile eccepire, è quello elettorale. Alessandria e Acqui, i due maggiori azionisti, sono impegnati in elezioni amministrative, cioè nel più alto esercizio di democrazia che tocchi ai cittadini. Per questa ragione – prosegue la dichiarazione di Buzzi Langhi - i Consigli comunali, attualmente in scadenza, non possono che deliberare per questioni ordinarie o di urgenza. Evidentemente qui si tratta di materia straordinaria. La riunione convocata per i soci (tutti Comuni) si svolgerà venerdì 19 maggio e quindi praticamente avverrà una ventina di giorni prima delle elezioni, producendo un vero e proprio vulnus al rispetto che deve essere garantito costituzionalmente al periodo elettorale. Forza Italia ritiene che in questo periodo tali operazioni debbano essere evitate e che le sospette furbizie degli attuali amministratori del Comune di Alessandria siano fin d’ora da stigmatizzare e da condannare con fermezza”.

De Capitani, raggiunto telefonicamente, non entra nella polemica politica, ma spiega la natura dell'incontro. “Quello che è stato convocato è un incontro informativo che non prevede né voti, né decisioni di alcun genere. Proprio perché vi sono soci che vanno a elezioni, è opportuno – dice il presidente del gruppo Amag – spiegare quanto sta accadendo in termini di adempimenti, modifiche statutarie (come nel caso dei trasporti) e riassetto del gruppo, chiarendo i termini tecnici, le scadenze e tutto quanto le amministrazioni dovranno fare. Proprio perché esistono percorsi che vanno seguiti, si deve tenere presente competenze e tempistiche che ricadono sui soci che vanno alle urne. Nessuna decisione, quindi, verrà presa”. 
19/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione