Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Mense: nuovo presidio e richiesta di un "Consiglio comunale aperto"

Chissà se il nuovo presidio di oggi, giovedì 24 maggio, di lavoratori e sindacati sotto il palazzo del Comune sarà occasione per un nuovo incontro/confronto con l'amministrazione. Quel che è certo è che i lavoratori non si fermano e anzi per non far calare l'ombra sulla questione "mense" i sindacati chiedono ora un Consiglio comunale aperto, che coinvolga tutta la città
 ALESSANDRIA - Mai mollare. E di certo non lo stanno facendo i lavoratori (e sindacati) della refezione scolastica. Che oggi pomeriggio, giovedì 24 maggio, tornano in presidio sotto il palazzo del Comune. Magari in attesa di un nuovo incontro/confronto con l'amministrazione che si era riservata lo scorso martedì di fare alcune verifiche.

Intanto i sindacati cercano di non far calare ombre sul caso "mense" e chiedono un "Consiglio comunale aperto" che coinvolga tutta la città.

Ecco la lettera aperta (scritta unitariamente da Cgil, Cisl e Uil) rivolta al presidente del Consiglio comunale e a tutti i consiglieri.
"Egregio Presidente, gentili Consiglieri,
rivolgiamo a voi questa lettera al fine di rendere noto alle SS.LL., oltre quanto già pubblicamente noto a mezzo stampa, la situazione relativa all’appalto della ristorazione scolastica del Comune di Alessandria, in questi giorni al centro delle cronache cittadine e oggetto di un duro scontro sindacale con l’Amministrazione Comunale.

In premessa si intende sottolineare che il servizio di ristorazione scolastica nella nostra città è da sempre tema di grande interesse per l’intera comunità alessandrina e per la materia di cui trattasi, il benessere alimentare dei nostri bambini, raccoglie la nostra massima attenzione e sensibilità.
Riteniamo che la qualità del servizio che in questi anni è stata garantita con la distribuzione di circa 500.000 pasti annui, abbia corrisposto alle giuste e necessarie esigenze alimentari dei bimbi sia in termini di importanti livelli qualitativi delle materie prime utilizzate che per quanto riguarda le prestazioni lavorative, nella preparazione e nella distribuzione dei pasti, caratterizzate da una elevata professionalità, competenza ed esperienza dimostrata in tutti questi anni dalle tante lavoratrici e lavoratori che operano nel servizio.

Riteniamo questo un grande patrimonio di tutta la città che continuiamo a pensare debba essere salvaguardato e difeso. Per lo più parliamo di circa 100 famiglie che contano su un reddito già di per se povero, parliamo mediamente di stipendi fra 500 e 700 euro mensili, il cui venir meno metterebbe a rischio povertà molte persone.

Purtroppo ciò che è accaduto in queste ultime settimane ha suscitato molte preoccupazioni, che continuano a crescere. Il Sindaco con la sua Giunta ha avviato le procedure per la nuova gara d’appalto per la gestione di questi servizi. Per oltre 2 mesi il Sindaco ha ignorato le nostre richieste di poter aprire un tavolo di confronto per discutere in merito al futuro delle attività e alle prospettive dei lavoratori.
Già dal mese di febbraio infatti le Organizzazioni Sindacali, unitariamente, hanno posto al Sindaco la necessità di avere garanzie e rassicurazioni in merito alla qualità dei servizi e alla continuità occupazionale.

Abbiamo appreso nel frattempo che in modo frettoloso e poco chiaro, con motivazioni mai rese note, l’Amministrazione Comunale ha nottetempo revocato l’incarico di Rup, precedentemente affidato, per attribuirlo ad un diverso Dirigente.
Solo in data 24 aprile, il Sindaco, unitamente all’Assessore competente, ha ascoltato i Segretari di FILCAMS CGIL FISASCAT CISL UILTUCS UIL ma solo formalmente, infatti a distanza di poche ore, nello stesso giorno, il Comune ha pubblicato gli atti di gara, con tutta evidenza già pronti e predisposti, senza avere accolto alcuna proposta sindacale. In particolare ci riferiamo alla cosiddetta “clausola sociale” che per come è stata formulata non crea le condizioni di garanzia per tutto il personale ad oggi impegnato sull’appalto.

Aggiungiamo inoltre che il consistente taglio di risorse, circa 500.000 euro l’anno, non può che scaricarsi sui lavoratori, producendo quello che non abbiamo esitato a definire “macelleria sociale”.

Dulcis in fundo, la recente notizia. Siamo rimasti sconcertati dall’annuncio che il 10 maggio pubblicamente la Giunta Comunale ha fatto rispetto alla reinternalizzazione del servizio di “scodellamento” negli asili nido da affidare a 10 dipendenti comunali, assunti e pagati dal Comune ma, a detta degli amministratori, improduttivi. Notizia di tale rilevanza da essere stata ampiamente riportata su tutti gli organi di informazione.

Ascoltare la Giunta Comunale con questo annuncio fatto nel pieno dello svolgimento di una gara ci ha davvero lasciati basiti.  Nella palese conferma che le preoccupazioni sulla tutela dei posti di lavoro non solo si aggravano ma a questo punto i licenziamenti sono dietro l’angolo.

Non sappiamo più, a questo punto, cosa aspettarci!
Tali affermazioni possono rappresentare un ostacolo alla prosecuzione del bando? E’ evidente che questa vicenda, anche per i tempi ristrettissimi della gara e per la grande confusione che sta ingenerando, ci pare gestita dall’Amministrazione Comunale senza alcuna sensibilità nei confronti di chi lavora e senza la necessaria chiarezza e attenzione.

Inevitabile pertanto il malessere e lo scaturire della protesta e del conflitto, sacrosanto e legittimo per la difesa del proprio lavoro e per il riconoscimento di diritti fondamentali.
Così come l’attenzione di tutta la comunità alessandrina, delle famiglie, perplesse e noi pensiamo preoccupate per le ricadute in termini di qualità e quantità di servizi e per le condizioni di benessere da garantire ai nostri bambini.

Ci rivolgiamo pertanto anche a voi, alla responsabilità e alla sensibilità che quotidianamente dimostrate nei confronti della vostra comunità cittadina, affinché esprimiate vicinanza e condivisione alla giusta battaglia che le lavoratrici e i lavoratori stanno conducendo.

In ultimo formuliamo una sentita istanza al fine di promuovere ogni possibile iniziativa, ivi compreso un Consiglio Comunale aperto sul tema, che chiediamo a ciascuno di voi di fare propria.
Con l’augurio di potervi incontrare nel corso dei nostri presidi sindacali, cui naturalmente sarete benvenuti e lietamente accolti, resto a vs disposizione e porgiamo un cordiale saluto".
24/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri