Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Volantini contro la moschea al Villaggio Europa: "Qualcuno vuole scaldare gli animi"

L'unico modo per tentare di fermare la costruzione è formare un comitato di quartiere”, si legge sui volantini comparsi sui muri di alcuni condomini del Villaggio Europa, dove tra qualche anno sorgerà la nuova moschea di via San Giovanni Bosco
ALESSANDRIA -  “Purtroppo è stato fatto tutto in sordina, senza informare gli abitanti del quartiere, chiedendo loro se avessero qualche obiezione su un centro di culto che richiamerà tutti i fedeli islamici di Alessandria e paesi limitrofi. L'unico modo per tentare di fermare la costruzione è formare un comitato di quartiere”, questo il contenuto dei volantini comparsi sui muri di alcuni condomini del Villaggio Europa, dove tra qualche anno sorgerà la nuova moschea di via San Giovanni Bosco, nei terreni adiacenti la Chiesa Evangelica. Una mano anonima ha scelto di manifestare così il proprio dissenso, invitando gli abitanti del quartiere a far sentire la propria voce. Nei volantini si fa riferimento ad un ipotetico comitato di quartiere, inevitabile però domandarsi a chi dovrebbe eventualmente rivolgersi chiunque decidesse di sposare la causa, visto che nel 'proclama' non è riportato alcun contatto, né telefonico né tanto meno nominale. 

Un'iniziativa a cui la comunità islamica preferisce non dare troppa importanza. “Per noi l'episodio non è così grave – spiega Mohammed Lofti, presidente del Centro Culturale Islamico di via Veraona, che entro pochi anni si trasferirà al Villaggio Europa – probabilmente si tratta di qualcuno che vuole soltanto scaldare gli animi”. Getta acqua sul fuoco anche il mediatore culturale Ahmed Osman, rivolgendosi anche all'anonimo contestatore: “Le novità spesso suscitano dubbi e paure. Invitiamo l'autore di questi volantini a dialogare con noi. Informarsi e conoscere le persone è senz'altro più utile. Al di là di questo, è la Costituzione italiana che garantisce diritto di culto, non capisco il senso di questa protesta. Il centro culturale islamico di Alessandria si è mosso nella più totale trasparenza e sempre in accordo con il Comune”. 

Oltre a realizzare un nuovo luogo di culto, con questo progetto la comunità islamica vuole costruire un centro culturale e ricreativo aperto ai giovani di qualunque credo religioso. “La nostra intenzione è quella di collaborare con tutti. Non c'è alcun motivo per avere paura" afferma Loti. Ad ogni modo, sull'episodio starebbero già indagando le forze dell'ordine, "quindi preferiamo non aggiungere altro”.
4/06/2019
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Pride Alessandria: il corteo per le vie della città
Pride Alessandria: il corteo per le vie della città
Migliaia di partecipanti al Pride
Migliaia di partecipanti al Pride
StrAlessandria 2019
StrAlessandria 2019
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria