Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Arquata Scrivia

Sei telecamere per sorvegliare paese e frazioni

Sei telecamere per sorvegliare centro e frazioni e un patto per l'attuazione della sicurezza urbana in accordo con la prefettura alessandrina. La giunta comunale di Arquata Scrivia si è di recente occupata di queste tematiche, approvando un progetto da 54.500 euro per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza comunale
ARQUATA SCRIVIA - Sei telecamere per sorvegliare centro e frazioni e un patto per l'attuazione della sicurezza urbana in accordo con la prefettura alessandrina. La giunta comunale di Arquata Scrivia si è di recente occupata di queste tematiche, approvando un progetto da 54.500 euro per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza comunale.

L'approvazione in giunta è finalizzata alla partecipazione del comune arquatese al bando del ministero dell'Economia e delle Finanze per il finanziamento dell'installazione di impianti di telecamere. Fra le sei previste, cinque potranno leggere le targhe di automobili e mezzi pesanti e tutte saranno collegato al comando dei carabinieri e alla questura attraverso due ponti radio.

Nella relazione del sindaco di Arquata Alberto Basso sono emerse le criticità in materia: "I furti e le truffe, sempre più frequenti su intere frazioni o piccoli centri abitati isolati; i reati ambientali, consistenti nell'abbandono di rifiuti in aree di sosta, in zone boscate, lungo i corsi d'acqua; episodi di intimidazione e minaccia alla persona su tutto il territorio comunale, consistite in parte in incendi anche di autovetture private con indagini al vaglio dei Carabinieri Forestali".

L'amministrazione comunale inoltre intende "adottare adeguate misure di sicurezza in relazione al trasferimento sul territorio in via permanente di due noti personaggi pubblici": chiaro il riferimento alla conduttrice Antonella Clerici e all'imprenditore Vittorio Garrone che si stanno trasferendo in una delle frazioni del paese.

"È intenzione dell'amministrazione comunale rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità presenti nel territorio per mezzo del controllo tramite l'osservazione continua di tutti i varchi stradali di accesso all'intero territorio comunale, con finalità di deterrente e di coadiuvante di indagini", ha sottolineato ancora Basso.

Approvato in giunta anche il “patto per l'attuazione della sicurezza urbana” con la prefettura di Alessandria.
8/07/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini