Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Al Cristo una casa per i detenuti e le loro famiglie

Il progetto, avviato grazie al contributo della Fondazione SociAL, è stato realizzato dall'Associazione Betel Onlus: "un alloggio dove “abitare” relazioni significative con se stessi e con i propri cari e dove ripensarsi in un contesto di vita più autentico"
ALESSANDRIA - C'è uno spazio, nel quartiere Cristo, destinato ad accogliere i detenuti presenti nelle due case di reclusione alessandrine dando loro la possibilità di trascorrervi i permessi premio sia da soli che con i propri famigliari al fine di favorire la ripresa e il rafforzamento delle relazioni socio-familiari. Si chiama "Casa Betel".

Il progetto, sostenuto dalla Fondazione SociAL nell’ambito del Bando 2016, nasce da una riflessione a lungo maturata in seno all’Associazione Betel Onlus sul tema della genitorialità in carcere e degli affetti dei detenuti. "Alla necessità di offrire uno spazio per tutelare e fortificare i legami genitoriali inevitabilmente frammentati e resi precari dall’esperienza del carcere - spiegano dall'associazione - Casa Betel offre un alloggio dove “abitare” relazioni significative con se stessi e con i propri cari e dove ripensarsi in un contesto di vita più autentico".
 
"Casa Betel" è costituita da due bilocali che nei primi mesi del 2017 sono stati imbiancati, puliti e arredati con mobili ed elettrodomestici e sono, ora, adatti ad accogliere fino a 10 persone. 

"I primi sei mesi - spiegano dall'Associazione - sono stati di predisposizione e di diffusione del progetto di ospitalità. Adesso siamo pronti a ospitare i detenuti in premesso premio, i loro famigliari e gli scarcerati in attesa di esplusione o di collocazione abitativa".

Le unità abitative si trovano in una palazzina di civile abitazione e, quindi, la tipologia degli ospitati sarà sempre valutata con attenzione dall'area educativa degli istituti di detenzione. L’Associazione Ex Allievi del CNOS di Alessandria (con sede nel quartiere di Casa Betel) si è resa disponibile alla manutenzione degli immobili ed alla creazione di una rete per inserire ex detenuti in attività lavorative.
"La possibilità per un detenuto di usufruire della casa - concludono da Betel - è anche una opportunità per riproporsi al mondo del lavoro".

[Sul sito della Fondazione SociAL ulteriori informazioni sul progetto]
6/08/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione