Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Morosità incolpevole, interviene la Regione Piemonte

Nelle prossime settimane sarà emesso dalla Regione un bando relativo ai contributi per gli affitti rivolto ai proprietari di immobili che hanno intenzione di abbassare i contratti di locazione già in essere. Il bando varrà anche per chi ha già ricevuto lo sfratto
NOVI LIGURE - Nelle prossime settimane sarà emesso dalla Regione un bando relativo ai contributi per gli affitti rivolto ai proprietari di immobili che hanno intenzione di abbassare i contratti di locazione già in essere. "Si tratta di un bando molto interessante e importante – dice l’assessore agli Affari Sociali Felicia Broda – perché potrebbe diminuire i casi di morosità incolpevole che, purtroppo, alla luce della situazione economica e sociale attuale, stanno aumentando negli ultimi anni". Il Comune da sempre ha cercato di sostenere e di aiutare le persone che si trovano ad affrontare sfratti per morosità incolpevoli (ovvero quando non si riesce a pagare l’affitto perché mancano le entrate familiari adeguate).

I proprietari degli alloggi che prenderanno parte al bando regionale otterranno delle garanzie così da poter aver assicurate le loro entrate senza gravare sugli affittuari. "Questo bando varrà anche – spiega Broda – per chi ha già ricevuto lo sfratto. Se il proprietario accetterà di abbassare i contratti di locazione, riceverà parte del debito pregresso". Verrà ovviamente stilata una graduatoria e da qui si partirà per valutare le proposte che arriveranno.

Per ovviare all’emergenza abitativa, comunque, il Comune di Novi si è già attivato autonomamente dallo scorso anno, attivando uno sportello di housing sociale. Lo sportello è in grado di creare una rete, tra tutti i soggetti interessati, dal Comune alla Prefettura, fino alle agenzie pubbliche e private. Tutto ciò per agevolare le soluzioni per contrastare l’emergenza abitativa. Inoltre reperisce anche informazioni per trasmetterle a chi si trova in grave difficoltà per la mancanza di un tetto.
E proprio per contrastare la mancanza di alloggi qualche anno fa la Regione aveva approvato le graduatorie degli interventi di edilizia residenziale pubblica relativi al secondo biennio del Programma Casa.
Per la città di Novi ciò ha significato che sono stati finanziati due nuovi interventi con fondi regionali, vale a dire quelli di una nuova costruzione in zona G3, alla periferia della città. In zona G3, via Ovada, sono stati realizzati 30 alloggi di edilizia sovvenzionata (palazzo di cinque piani con appartamenti di metratura medio piccola).
1/01/2016
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano