Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serie A2 - Play off

La Junior frena la corsa: Bologna si porta sul 2-1. Stasera c'è gara 4

La Junior non vede il canestro (3/29 da 3) e il secondo tempo è dominato da Bologna: 79-45 il finale, questa sera al PalaDozza Gara 4
BOLOGNA - La partita di sabato 2 tra Fortitudo e Novipiù si è rivelata difficilissima per Casale che con un secondo tempo in cui segna solo 16 punti viene sconfitta dai padroni di casa 79-45. I rossoblu portano in doppia cifra solo due giocatori (Tomassini, 11 e Martinoni, 10), ma tirano solo 3/29 dalla lunga distanza: questa sera, lunedì 4, si giocherà Gara 4 al PalaDozza. 


Tomassini apre la partita seguito da Rosselli: il ritmo è già alle stelle e a Sanders che va a segno da una parte, c'è Okereafor che risponde dall'altra (5-4). Mancinelli allunga con un canestro e fallo e Tomassini muove ancora una volta la retina dei suoi: la Fortitudo vuole premere sull'acceleratore ed è ancora Mancinelli a portare punti ai suoi (12-6). Casale non ci sta e Severini ricuce il gap, ma Okereafor infila una tripla allo scadere dei 24" che tiene la Effe a distanza (15-8): Marcius non è chirurgico dalla lunetta e Casale fatica a trovare la strada del canestro mentre Pini fa 2/2 dalla linea della carità per poi andare a segno da sotto le plance e portare Bologna sul 19-9 ed è timeout per coach Ramondino. Al rientro Severini vola a rimbalzo per poi andare a segno seguito da Martinoni: ancora Cinciarini per i padroni di casa e il primo quarto termina 23-13. 

L'avvio di secondo quarto vede il canestro di Fultz e Casale che non riesce a trovare continuità dalla lunga distanza: è di Blizzard il primo canestro rossoblu, ma dall'altra parte Italiano risponde immediatamente (27-15). Martinoni prova a scuotere i suoi e Tomassini non sbaglia il libero frutto del fallo tecnico fischiato a Mancinelli, ma la Fortitudo difende con il coltello tra i denti e obbliga la palla persa di Casale per poi realizzare il 29-18 dalla lunetta con Rosselli. I rossoblu faticano anche in difesa con Fultz che realizza a gioco fermo: Tomassini ci prova dalla media imitato da Blizzard, con Casale che ha provato ad aumentare la sua aggressività. Da sotto le plance ci pensa ancora Martinoni a realizzare (32-24) ma Rosselli e Okereafor non sono da meno e coach Ramodnino chiama prontamente il timeout; ancora Tomassini, e Denegri ritrova il canestro dall'arco (35-29) con la Effe che muove la retina a ripetizione e il quarto termina 37-29. 

E' il canestro di Tomassini ad inaugurare un terzo quarto in cui nei primi minuti i tiri delle due formazioni si fermano sul ferro: Mancinelli prova a ridare fiato ai suoi, ma la tripla di Deengri regala il 39-34 ai rossoblu. Cinciarini non ci sta e torna a segno dalla media, mentre Casale torna a mostrare i muscoli a rimbalzo ma non riesce a finalizzare in attacco (41-34); Okereafor allunga ancora con un tiro dai 6.75 e con un canestro in contropiede che manda in visibilio il PalaDozza. Casale affretta qualche tiro e Pini ne approfitta: la Novipiù trova punti con Italiano, ma la tripla di Italiano ristabilisce la situazione (51-36). I rossoblu non riescono a uscire dal momento di difficoltà e la Effe è in trance agonistica e trova un'altra tripla firmata Italiano: il ferro continua a sputare fuori i tiri dei rossoblu mentre Pini chiude il quarto 60-36. 

La tripla di Italiano dà il via all'ultimo periodo, Sanders non è preciso dalla lunetta mentre Martinoni non demorde: la Fortitudo realizza con Chillo (66-39) e Casale ritorna in lunetta con Marcius. La Junior lotta ma continua a litigare con il ferro mentre Chillo e McCamey macinano punti (71-39): gli ultimi 5' sono da regolamento, con il PalaDozza che festeggia, la Fortitudo che continua a realizzare e la Novipiù che nonostante tutto ci prova senza sosta: finisce 79-45. 


FORTITUDO CONSULTINVEST BOLOGNA - NOVIPIU' CASALE: 79-45 (23-13; 37-29; 60-36)

FORTITUDO BOLOGNA: Cinciarini 4, Mancinelli 9, Okereafor 13, Fultz 4, Murabito, Montanari, Chillo 8, Gandini, Rosselli 6, Pini 16, Italiano 13, McCamey 6. All. Pozzecco
NOVIPIU' CASALE: Ielmini ne, Denegri 8, Tomassini 11, Valentini 3, Blizzard 4, Martinoni 10, Severini 4, Cattapan, Bellan 1, Sanders 3, Marcius 1. All. Ramondino. 


Le dichiarazioni di coach Marco Ramondino: "Faccio grandi complimenti alla Fortitudo per la continuità e la determinazione: mi limito a fare un commento dei primi 25 minuti, ovvero fino a quando c'è stata una parvenza di partita, poi la grande capacità di punire gli errori ha dato proporzioni al risultato finale. Noi abbiamo avuto un approccio troppo timido: in difesa ci sono state troppe palle vaganti che non abbiamo concretizzato e offensivamente, in un ambiente così caloroso, abbiamo sbagliati tanti tiri da sotto e piazzati da tre punti. Giocare contro una squadra di così alto livello ti costringe a non proporgli sempre la stessa cosa: oggi la differenza l'ha fatta la determinazione nel finire l'azione".
4/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri