Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket - Serie A2

La Novipiù regola Lugano: è Pinkins il trascinatore rossoblù

A Saronno punteggio azzerato ogni quarto, con i rossoblu che se ne aggiudicano tre su quattro. Pinkins miglior realizzatore (20 punti), in doppia cifra anche Musso (16), Cesana (13), Battistini (13), Martinoni (13) e Denegri (11)
SARONNO - A Saronno la Novipiù si aggiudica un'intensa partita contro i Lugano Tigers, formazione elvetica militante in LNA (Serie A svizzera). Con il punteggio azzerato ad ogni quarto, i rossoblu se ne aggiudicano tre su quattro, mettendo in campo una buona pallacanestro e terminando con il punteggio totale di 113-84. 

Green e Wilbourn danno il via alla partita, con Lugano che preme subito sull'acceleratore e approfitta di qualche errore dei rossoblu: è Pinkins il primo a far muovere la retina dei suoi, mentre Wilbourn in lunetta realizza il 2-9. Denegri e Martinoni salgono in cattedra dalla media distanza e la Novipiù ricuce così il gap in un amen: i rossoblu si fanno aggressivi in difesa e il sorpasso (10-9) arriva per mano di Pinkins. Le due formazioni ora si rispondono a vicenda con Green e Martinoni sotto le plance, poi è nuovamente Lugano a ritentare l'allungo con Pollard: Casale non ci sta e le triple di Musso e Valentini siglano il 20-17 mentre coach Ferrari richiama i suoi in panchina dopo il gioco da tre punti subito dalla formazione elvetica. Musso e Tinsley non si fanno pregare troppo e vanno subito a segno dalla lunga distanza, con Battistini che insacca dall'area (31-22): nell'altra metà campo è Berry a muovere la retina dei Tigers, ma Cesana e Tinsley sono chirurgici dalla lunetta e mantengono il vantaggio dei rossoblu. E' ancora Cesana dalla lunetta a chiudere il quarto 37-30. 

Sono i liberi di Berry a sancire l'avvio del secondo quarto, seguiti da quelli di Mussongo, mentre l'avvio della Novipiù richiama quello del primo periodo: ci pensa Battistini, dall'arco, a portare a casa i primi punti per la causa rossoblu (3-5). Lugano vuole accelerare con Wilbourn, ma Cesana non sbaglia dai 6.75 metri mentre in difesa i rossoblu non mollano di un centimetro; Denegri lancia in contropiede Tinsley che non si fa sfuggire l'occasione di muovere la retina (9-10). Lugano trova altri punti a gioco fermo mentre Giovara vola a rimbalzo e Pinkins inchioda la palla sfruttando il contropiede: Musso e Cavadini infiammano le rispettive retine imitati da Green e Pinkins che portano il punteggio in perfetta parità sul 19-19. Berry non sbaglia dalla linea della carità, così come Pinkins, mentre Martinoni si fa valere a rimbalzo; s'iscrive a referto anche Giovara mentre Bracelli chiude il quarto 23-27.

Il terzo periodo vede in apertura i canestri di Pinkins e Wilbourn, e le due squadre che si rispondono a vicenda (4-4) fino a quando la Junior prova ad accelerare con le difese di Cesana e le giocate di Martinoni e Tinsley; i Tigers ora sembrano patire l'aggressività difensiva dei rossoblu e coach Petitpierre chiama prontamente timeout, ma al rientro è ancora Musso a deliziare i compagni con una tripla. Green prova a contenere il divario (13-7) mentre Cesana è ancora una volta preciso dalla lunetta: Casale alza il ritmo con Pinkins e Cesana che non si tirano indietro al tiro mentre i Tigers ritrovano punti con Stevanovic. Sull'asse Cattapan - Battistini i rossoblu si portano sull'11-24 e si mantengono chiusi in difesa: Mussongo e Denegri portano punti dalla lunetta e sono Pollard e Denegri a chiudere il quarto 31-15. 

Ci pensano Denegri e Battistini a dare il via all'ultimo periodo, con Banchero che dopo aver raccolto 4 rimbalzi consecutivi realizza il gioco da tre punti che vale il 10-0; i primi punti per Lugano arrivano per mano di Affolter mentre per la Novipiù torna a segno anche Battistini. La Novipiù continua a macinare punti su punti mentre Lugano continua a sbattere contro il muro rossoblu (17-5) in un momento in cui coach Ferrari schiera un quintetto tutto giovane: Pollard e Cattapan si rispondono a vicenda e Cesana non è da meno. Termina 22-12 a favore della Novipiù. 


NOVIPIU' CASALE MONFERRATO - LUGANO TIGERS: 37-30 (1 qt); 23-27 (2 qt); 31-15 (3 qt); 22-12 (4 qt)   

Novipiù Casale: Tinsley 9, Banchero 3, Musso 16, Valentini 6, Cesana 13, Denegri 11, Battistini 13, Martinoni 13, Pinkins 20, Cattapan 6, Giovara 3, Lazzeri. All. Ferrari
Lugano Tigers: Cavadini, Green 26, Stevanovic 5, Bracelli 3, Affolter 3, Pollard 16, Wilbourn 12, Mussongo 6, Lukic, Berry 13. All. Petitpierre 

Coach Andrea Valentini: "Abbiamo avuto un secondo quarto al di sotto delle nostre prestazioni soprattutto dal punto di vista fisico, poi abbiamo iniziato molto bene il terzo quarto, abbiamo aumentato la velocità delle esecuzioni e siamo riusciti a fare una buona partita per proiettarci al Campionato. Siamo una squadra giovane e quindi devono avere spazio ed essere pronti anche loro: oggi hanno fatto una buona prestazione e quindi siamo contenti".
13/09/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova