Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Ospedali, nessuna chiusura in vista. Ma in tanti vanno a farsi curare fuori

Smentita dall'assessore alla Sanità l'ipotesi di chiudere gli ospedali di Novi, Ovada, Acqui, Tortona e Casale per costruire un nuovo nosocomio provinciale. Ma aumentano gli alessandrini che decidono di farsi curare fuori regione
ALESSANDRIA – Nessuna chiusura degli ospedali in provincia di Alessandria. Lo garantisce l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta dopo che ieri era stato diffuso uno studio effettuato da Ires Piemonte che – tra l’altro – contemplava l’ipotesi di chiusura degli ospedali di Novi Ligure, Ovada, Acqui Terme, Tortona e Casale Monferrato per fare spazio alla costruzione di un unico grande nosocomio in grado di servire tutta la provincia.

«Nessuno di questi provvedimenti è contenuto nel Piano di edilizia sanitaria che la Regione Piemonte ha approvato e nessun atto è previsto per il futuro in tal senso», ha detto il numero uno della sanità piemontese. Lo studio – chiariscono da Torino – è stato commissionato all’unanimità a ottobre dal consiglio regionale del Piemonte, su richiesta dell’attuale capogruppo del Partito Democratico Domenico Ravetti, con l’obiettivo di effettuare un’analisi dei bisogni di salute del territorio e di verificare l’eventuale possibilità di realizzare una nuova struttura ospedaliera ad Alessandria. Il documento è stato consegnato nei giorni scorsi al consiglio regionale: dal lavoro dell’Ires emerge chiaramente come l’ipotesi formulata dagli stessi ricercatori, che comporterebbe la dismissione di alcuni ospedali della provincia, sia considerata troppo gravosa – 285 milioni di euro – e dunque non praticabile.

A lanciare l’allarme era stato il consigliere regionale di opposizione Gian Luca Vignale. Se l’ipotesi di chiusura degli ospedali era esagerata, ci sono però altri dati che il consigliere del Movimento nazionale per la sovranità mette in rilievo: «Dai 98 mila ricoveri del 2000 si è passati ai 67.700 del 2016, con una riduzione complessiva del 30 per cento, ma nel 2017 il 28 per cento degli alessandrini si sono fatti curare in ospedali fuori dalla provincia e il 15 per cento fuori regione».

«Lo studio dell’Ires evidenzia – conclude Vignale – come sia stata completamente sbagliata la politica dei tagli in sanità che ha portato un deficit nel bilancio causato dal fortissimo aumento della mobilità passiva dei pazienti verso Lombardia e Liguria».
21/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa