Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Conzano

Scritti scelti di Albino Galvano, artista e studioso del Novecento

Domenica 20 maggio a Villa Vidua è in programma la presentazione del volume “Diagnosi del moderno. Scritti scelti 1934-1985” del maestro torinese, nell’ambito della mostra “Albino Galvano a Villa Vidua, omaggio a un pittore filosofo”, che è stata prorogata fino al 10 giugno
CONZANO - Nell’ambito della mostra “Albino Galvano a Villa Vidua, omaggio a un pittore filosofo”, domenica 20 alle 17.30, sarà presentato il volume di Albino Galvano “Diagnosi del moderno. Scritti scelti 1934-1985” a cura di Alessandra Ruffino (Torino, Nino Aragno Editore 2018). 

Albino Galvano (Torino, 1907-1990) con la sua poliedrica attività di artista, critico e studioso è stato uno straordinario testimone del Novecento. La sua formazione artistica avviene dopo gli studi classici, quando, dopo aver visto delle opere di Felice Casorati alla Biennale di Venezia del 1928, entra nella scuola del pittore a Torino, dove conosce, tra gli altri, Italo Cremona, Paola Levi Montalcini, Lalla Romano, Carol Rama; in quegli stessi anni stringe amicizia con Carlo Mollino, architetto e designer cui sarà legato per tutta la vita. 

L’opera pittorica di Galvano si suddivide in tre momenti – periodo naturalistico-casoratiano, periodo astratto-concreto e periodo neoliberty – che, pur essendo caratterizzati dai differenti passaggi dalla figura al segno e ancora alla figura, evidenziano un aspetto fondamentale dell’artista: la necessità di preservare la propria libertà di pensiero, convinto dell’importanza del legame che unisce la pratica della pittura e l’esercizio speculativo, anche risultando spesso in controtempo rispetto alle tendenze a lui contemporanee. 

L’esposizione di Villa Vidua, il cui termine è stato prorogato fino al 10 giugno, si articola in quattro piccole sezioni (Figure: la pittura come vita, Oltre la figura: la stagione astratta, Ritorno alla figurazione: il periodo neoliberty, Edizioni e cataloghi: Galvano pittore filosofo) e presenta 35 opere, tra disegni tele e grafiche, realizzate tra gli anni Trenta e gli anni Ottanta e una dozzina di prime edizioni e cataloghi, che ripercorrono le principali tappe dell’attività artistica del maestro torinese. 

Conzano, Villa Vidua
Fino al 10 giugno 2018
Orario: domenica e festivi dalle 15.00 alle 19.00 (altre visite su appuntamento)
Catalogo: “Albino Galvano a Villa Vidua” a cura di Alessandra Ruffino, € 10,00
Info: tel. 0142 925132 - www.comune.conzano.al.it
16/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco