Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Con il MonFilmFest torna il cineforum

Dal 14 al 22 luglio le sei troupe in gara per realizzare un cortometraggio in una settimana con il Monferrato come ambientazione. Da sabato 15 al Castello del Monferrato il cineforum-concorso “Vetrina di Un Film Ritrovato” con proiezioni gratuite e serali e dibattiti
CASALE MONFERRATO - Con la quindicesima edizione del MonFilmFest, in programma in città dal 14 al 22 luglio, non ci saranno solo le sei troupe in gara per realizzare un cortometraggio in una settimana con il Monferrato come ambientazione. A partire da sabato 15 luglio infatti, nella cappella del Castello, prenderà il via il cineforum-concorso Vetrina di Un Film Ritrovato, con proiezioni gratuite e serali cui seguiranno dibattiti. Particolarmente significativa è la presenza, nella rassegna, di diversi artisti locali cui si aggiungono i lavori dei giovani dell’Istituto Leardi.

Questo il programma:
Sabato 15 luglio ore 21
Absolute beginners: gli studenti dell’Istituto Leardi e il professor Ilenio Celoria presentano Amore 2.0, (6’59’’, Italia 2017). Seguirà Fuorigioco di Carlo Benso (87’, Italia 2015 – fuori concorso), quindi Hypogeum di Alessandro Della Villa (24’, Italia 2015) e Carver is dead di Vanja Vascarac (15’45’’, Croazia 2012 – fuori concorso).

Domenica 16 luglio ore 21
Absolute beginners: studenti dell’Istituto Leardi e il professor Ilenio Celoria presentano This is me (4’13’’, Italia 2017). A seguire Le Tre Distanze di Alessandro Pugno (50’, Italia 2011 – fuori concorso) e Villa Ventura di Roman Hüben (26’, Svizzera 2017).

Giovedì 20 luglio ore 21
La Visione Romantica di Roberto Paolini (90’, Italia 2015). A seguire Quattro postale a Marta – Quattro cartoline postali a Marta di Hernan Talvera (10’13’’, Spagna 2015).

Venerdì 21 luglio ore 21
Absolute beginners: gli studenti dell’Istituto Leardi e il professor Ilenio Celoria presentano le loro ultime produzioni. A seguire Volevamo fare u’ cinema di Niccolò Gentili (13’47’’, Italia 2017), Il Quarantatreesimo di Giovanni Rubino (4’37’’, Italia 2017), Off Line di Emanuela Mascherini (24’, Italia 2016), Questioni di identità di Sandro Carnino (4’18’’, Italia 2017), Mousse di Hohn Hellberg (42’, Svezia 2013 – fuori concorso), Due Giorni d’estate di Luca del Canto (19’, Italia 2014 – fuori concorso) e Lou son Amis – Il Suono Amico di Luca Percivalle e Flavio Giacchero (78’, Italia 2017).
Fuorigioco, opera prima di Carlo Benso, racconta la storia di Gregorio Samsa, dirigente d’azienda cinquantacinquenne improvvisamente licenziato. Il film, realizzato con una troupe formata principalmente da giovanissimi, affronta i temi delle perdita del lavoro senza retoriche.
Le tre distanze di Alessandro Pugno è invece un documentario con il quale, allo stesso modo di un pittore cinese dell’età classica, Mario Surbone dipinge il paesaggio che lo circonda per svelare l’attività creatrice dell’universo. L’opera è liberamente ispirata a “Discorsi sulla Pittura” del monaco Yuanji Shitao.
Sia Carlo Benso che Alessandro Pugno saranno presenti alla proiezione dei loro film.

Sabato 22 alle 11 al cospetto della giuria e pubblico, saranno proiettati i film compiendo quel gioco di cinema, sette giorni per un film, che ha mosso i suoi primi passi nel 2003 a Vignale Monferrato sino al 2006, per poi migrare a Casalborgone sino al 2015, per approdare a Casale Monferrato nel 2016, all'interno di un progetto che fa della città la Cittadella del Cinema, con sede al Salone Tartara all'ex mercato Pavia e alla Cappella del Castello.  
Paolo Cirio, Alessandro Della Villa, Niccolò Gentili, Roman Hüben, Dario Leone, Susanna Martini e gli studenti dell'Isituto Leardi di Casale Monferrato Andrea Martinotti, Riccardo Gherzi, Alice Guerini e Michela Zaccone, coordinati dal professor Ilenio Celoria sono gli autori. Ogni regista partecipante avrà anche un stagista e saranno proprio gli studenti del Leardi Giada Caprioglio, Federico Cugini, Luca Fivizzani, Francesca Francese, Diana Yera e Manuel Monaco.

“Questa nuova edizione del MonFilmFest muove un invito ai cittadini proponendo loro film legati al territorio come tema o come origine del regista. È questo un modo ulteriore per valorizzare le eccellenze locali e il Monferrato” spiega l’assessore a Cultura e Manifestazioni Daria Carmi.
13/07/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Cos'è Rugbytots?
Cos'è Rugbytots?
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Aperto per Cultura 2017
Aperto per Cultura 2017