Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Dieci giorni senza lo smartphone: crowfounding per il docufilm di Lucio Laugelli

Una campagna di crowfounding per sostenere il progetto del videomaker alessandrino Lucio Laugelli, "un docufilm sulla dipendenza da Internet". La racccolta fondi tramite la piattaforma di 'Produzionidalbasso'
ALESSANDRIA - Un docu-film sulla dipendenza da Facebook, Twitter, Google, YouTube, insomma, da Internet. E' un'idea del videomaker alessandrino Lucio Laugelli, che già nel 2014 aveva affrontato il tema con il progetto fotografico "Spacciatori di punti di domanda" realizzato insieme a Paolo Tonato e pubblicato, tra gli altri, da Panorama, Rolling Stone e Wired. “Questa volta mi piacerebbe affrontare l'argomento con la formula a me più congeniale, ovvero le immagini in movimento”. La tecnologia che “avvicina e allontana contemporaneamente”, che ha mutato radicalmente le nostre abitudini, che nel quotidiano usiamo in privato e e per le attività lavorative.

Per molti di noi, essere costretti a rinunciare per un certo periodo allo smartphone, al tablet o al pc potrebbe tramutarsi in un vero e proprio incubo. Da questa riflessione nasce l'idea di Lucio Laugelli, “Il docu-film che vorrei girare – spiega Laugelli - si svilupperebbe su due binari in parallelo: in uno un giornalista/socialmedia manager, una cantante, un fotografo e un influencer abituati alla iperconnessione per motivi lavorativi (e non) vengono privati del loro smartphone e di ogni connessione internet. Un tuffo nel passato. Per 10 giorni. La location di sfondo? L'alta montagna. Immaginatevi 4 persone abituate a postare in continuazioni foto, canzoni, status, 4 persone che hanno fatto del web la loro vita, totalmente lontani dagli strumenti quotidiani di lavoro: niente tablet, pc, telefoni”. Scenari dai risvolti potenzialmente apocalittici. “Sembra una cosa scontata – osserva il videomaker alessandrino - ma quanti di noi non si sono connessi al loro social preferito o non hanno usato il telefono per più di una settimana?”.

“L'altro binario del docufilm – continua Laugelli - avrebbe invece per protagoniste persone totalmente differenti (per età, professione, abitudini) che raccontano del loro rapporto con internet e con lo smartphone: sarà curioso vedere come una persona di 70 anni sceglie un hotel rispetto a un 16enne che affronta la sua prima vacanza da solo. Ma anche vedere come i social e il mobile abbiano un impatto diverso a seconda del lavoro, dell'anagrafica e dell'attitudine di ognuno di noi”.

Insomma, una sorta di esperimento sociologico davvero intrigante, che per essere realizzato ha però bisogno del contributo di chiunque decida di sostenere il progetto “(a)social: dieci giorni senza lo smartphone” ideato da Lucio Laugelli. Questo docufilm avrebbe poi a disposizione la grande vetrina di Infinity Mediaset che co-finanzierà il 50% della campagna e lo promuoverebbe mandandolo in onda.
Tramite la piattaforma 'Produziondalbasso' è possibile partecipare alla raccolta fondi, il cosiddetto crowfounding, per raggiungere l'altra metà del budget (5 mila euro) necessario alla realizzazione del progetto. In che modo verrà utilizzato 'il gruzzolo' raccolto lo spiega lo stesso Laugelli: “20% pre-produzione (organizzazione della produzione, sopralluoghi, ecc.) 40% produzione (set), 20% post-produzione (montaggio, color, speakeraggio della voce off), 20% promozione (festival, eventi, social, ecc)”.
1/06/2017
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Cos'è Rugbytots?
Cos'è Rugbytots?
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Aperto per Cultura 2017
Aperto per Cultura 2017