Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Ammanco in Comune: la replica della difesa

Dopo la condanna inflitta alla dipendente Patrizia Massa a risarcire quasi 130 mila euro. Intanto, per il reato di peculato, l'udienza preliminare sarà il 30 gennaio 2018
OVADA - “Il fatto che la Massa non sia riuscita a dimostrare dove è finita la restante somma di € 109.686,07 è sicuramente sufficiente a motivare la condanna ma non lo è per farle ammettere un fatto che non esiste. Per comprendere le ragioni della amarezza della Massa nel leggere la sentenza è importante precisare che la sua ammissione di parziale responsabilità era e resta più che sufficiente a farle perdere il lavoro e ad esporla alla pubblica riprovazione”. E’ passato qualche giorno dalla pubblicazione della sentenza sulla questione dell’ammanco determinatosi all’Ufficio Tecnico nei diritti di segreteria per la quale la dipendente Patrizia Massa è stata condannata a risarcire una cifra di poco inferiore a 130 mila euro. E mentre è di mercoledì 9 agosto la notizia che l’udienza preliminare per la questione penale riferita ai fatti è stata fissata al 30 gennaio 2018 è l’avvocato difensore Luciano Crocco commentare quanto accaduto.

“Nel periodo intercorrente fra il 2009 ed il 2011 – spiega Crocco” la Massa ha effettivamente trattenuto per se una sola parte della predetta somma.  Dopo che la Massa ha posto fine a tale comportamento e, precisamente,  nel periodo che parte dal 2012 fino al 2015 si è verificata una vera e propria “escalation” delle somme che, pur regolarmente ricevute dalla stessa, non sono mai pervenute all’Economo.  In tale periodo a fronte di un incasso certificato di complessivi € 97.364,50 sono stati versati all’Economo soltanto € 1.816,00 per un ammanco complessivo per tale periodo pari ad € 95.548,50. Ciò è avvenuto, per un periodo di ben quattro anni, senza che nessuno che ne avesse l’autorità, il diritto e il dovere abbia mai chiesto conto alla Massa del motivo per cui il flusso dei versamenti si fosse interrotto per un così lungo periodo”.

L’indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza a portato ad archiviare le posizioni di Guido Chiappone, ingegnere capo del Ufficio Tecnico e di Edoardo Cavanna, economo del Comune. “Vale la pena sottolineare – prosegue Crocco - che, anche se fosse riuscita a dimostrare di non avere trattenuto per se la somma di € 109.686,07 le conseguenze per la Massa sarebbero state, ovviamente ad eccezione di quelle economiche, le stesse. Va da se che la Massa sarà costretta a versare l’intera somma di € 129.228,35 nelle casse del Comune di Ovada che – è bene ricordarlo - in data 30/12/2015 ha segnalato  alla Corte dei Conti  un ammanco di € 68.773,00 che - soltanto grazie alle indagini successive – è aumentato di oltre € 60.000,00”.

L’udienza preliminare è riferita al reato contestato di peculato. “La Massa .- conclude l’avvocato difensore - confida che, nell’ambito del giudizio penale, sarà possibile fare emergere la verità sostanziale per potere ricondurre le sue responsabilità nel limite di quelle ammesse ridistribuendo le restanti a carico di chi le merita. Ciò anche al fine di permettere alla pubblica opinione di rispondere alla immaginabile e legittima domanda se sia davvero credibile che una sola impiegata possa tenere in scacco per un così lungo periodo e con consistenze numeriche di tal fatta un’intera Organizzazione Comunale”.

10/08/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Premio “Franco Marchiaro”: Griseri, Massone e Prato sono i vincitori
Premio “Franco Marchiaro”: Griseri, Massone e Prato sono i vincitori
Enzo Paci a SettimoCielo
Enzo Paci a SettimoCielo
“Se stasera siamo qui”: lo spettacolo per l'inaugurazione della mostra
“Se stasera siamo qui”: lo spettacolo per l'inaugurazione della mostra
Alessandria in merda
Alessandria in merda
Alessandria si accende : ecco le luminarie di Natale
Alessandria si accende : ecco le luminarie di Natale
Piacenza-Alessandria 3-2. Il dopo partita
Piacenza-Alessandria 3-2. Il dopo partita
Polizia Penitenziaria protesta davanti alla casa circondariale Catiello Gaeta
Polizia Penitenziaria protesta davanti alla casa circondariale Catiello Gaeta
Manifestazione della Polizia Penitenziaria, situazione insostenibile in Alessandria
Manifestazione della Polizia Penitenziaria, situazione insostenibile in Alessandria
Alessandria-Viterbese, le foto del post partita
Alessandria-Viterbese, le foto del post partita
I Grigi tornano a casa con una serata di gala
I Grigi tornano a casa con una serata di gala