Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Atti sessuali in cambio di videogiochi, condannato a 7 anni e mezzo di carcere

Era accusato di aver abusato di un minore: l'uomo avrebbe chiesto al bambino prestazioni sessuali in cambio del permesso per giocare ad un videogioco. Condannato dal tribunale a 7 anni e mezzo di carcere. La difesa: “non è vero, ricorreremo in appello”
CRONACA – Secondo l'accusa aveva "barattato" sesso orale con un minore in cambio del permesso di lasciarlo giocare con i videogiochi. E' stato condannato a 7 anni e mezzo di carcere un uomo residente ad Alessandria, Alberto Garcia, accusato di abusi su minori. L'episodio si sarebbe consumato nel febbraio del 2017. L'uomo, compagno della madre del piccolo, era solo con il bambino. Stavano guardando la televisione e il piccolo avrebbe espresso il desiderio di poter giocare con videogiochi. In cambio, l'adulto gli avrebbe chiesto una prestazione sessuale. Il giorno successivo il bambino, che frequenta ancora la scuola primaria, ha raccontato quel “gioco” alla maestra, mimando l'atto. 
Fatto che Garcia, incensurato, ha sempre negato.
La sera stessa del racconto del bambino all'insegnante e il conseguente interessamento dell'autorità giudiziaria, la madre del piccolo ha allontanato l'uomo dalla sua abitazione e dalla vita sua e del figlioletto.
Il collegio di giudici, presieduto da Aldo Tirone, ascoltate le parti, ha accolto la tesi del pubblico ministero (il quale aveva chiesto la condanna a 9 anni di carcere), condannando il Garcia.
Per la difesa, assunta dall'avvocato Vaccaro del foro di Alessandria, i fatti come ricostruiti in aula a resi negli interrogatori e di un incidente probatorio (avvenuto però, sempre secondo la difesa, oltre i termini previsti per legge) non corrispondono al vero. La linea difensiva è stata orientata a dimostrare come il racconto del piccolo potesse essere confuso o distorto. Nonostante la giovanissima età, il bambino sembra avesse accesso ad internet ed avrebbe potuto confondere, ha sostenuto l'avvocato, la realtà con la fantasia, in una sorta di suggestione causata dalle immagini virtuali. Tesi che non è stata accolta dai giudici. La difesa ha annunciato di voler ricorrere in appello dopo la lettura delle motivazioni alla sentenza.
18/10/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa