Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Gestione Acqua e Comune di Vignole, è lite

La società novese, gestore dell’acquedotto, aveva proposto all’amministrazione comunale una compensazione tra i debiti e i crediti, ma la giunta aveva deliberato di sospendere la procedura. Qual è l’oggetto del contendere?
NOVI LIGURE - È lite fra il Comune di Vignole e Gestione Acqua. La società novese, gestore dell’acquedotto, aveva proposto all’amministrazione comunale una compensazione tra i debiti e i crediti ma la giunta aveva deliberato di sospendere la procedura. Qual è l’oggetto del contendere?
Spiega il sindaco Giuseppe Teti [in foto]: “Quando il servizio idrico è stato dato in gestione, oltre dieci anni fa, c'era stato un tacito accordo tra il Comune e il gestore: quest'ultimo non pagava l’occupazione del suolo pubblico e l’uso delle reti idriche e fognarie mentre l’amministrazione comunale non doveva nulla per il consumo dell’acqua per gli edifici pubblici, nei quali non esistevano neppure i contatori per la misurazione dei consumi.  Poi Gestione Acqua ha deciso di cambiare le carte in tavola”.

Teti ricorda che nel 2008-2009, quando il Comune era guidato dal commissario prefettizio dopo la caduta del sindaco Susan Thomas, Gestione Acqua ha deciso di installare i contatori negli edifici pubblici, facendo quindi pagare i consumi. Non solo: prima di affidare la gestione delle reti, il Comune aveva acceso due mutui per alcuni lavori sull’acquedotto, ancora da estinguere.

L’accordo – dice ancora Teti – era che Gestione Acqua in sostanza si accollasse le rate essendo riferite a strutture da essa gestite una volta che le è stato affidato il servizio. Successivamente, però, la società ha smesso di pagare le rate, rimaste in capo al Comune. La compensazione richiesta riguarda i 15 mila euro da noi attesi per questi mutui e i 12 mila dovuti per l’acqua consumata. Noi chiediamo il pagamento dell’uso delle reti oppure si ritorni all’accordo tacito di 10 anni fa, altrimenti daremo disdetta alla gestione. A breve dovrebbe tenersi un incontro chiarificatore”.

Vittorio Risso, direttore di Gestione Acqua, replica così: “La compensazione è usuale. Noi paghiamo i mutui accesi dai Comuni per le opere riferite ai servizi a noi affidati e poi calcoliamo le spese per le utenze pubbliche dell’acqua. Spesso non ci sono i soldi per i pagamento e così ricorriamo alla compensazione. Non facciamo eccezioni a nessuno”.

 
29/09/2013
Giampiero Carbone - g.carbone@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018