Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Il crollo del ponte Morandi a Genova, una tragedia per tutto il paese

Il crollo del ponte Morandi a Genova ha sconvolto tutto il Paese per la drammaticità delle immagini che arrivano dal capoluogo ligure. Dalla Provincia di Alessandria sono partiti alcune unità dei vigili del fuoco per la ricerca delle persone. L'appello della Protezione Civile: state lontani dal luogo della tragedia per consentire le operazioni di soccorso e ripristino. Fra le vittime anche Marta Danisi, infermiera dell'ospedale di Alessandria
CRONACA - 17:00 Anche Arquata scossa dal dramma di Genova: un morto e una donna per ora dispersa
Mentre le ricerche proseguono fra le macerie del ponte, si lavora per dare un volto a tutte le vittime della tragedia. Fra loro, purtroppo, si conta anche Alessandro Robotti, di Arquata, mentre la moglie, Giovanna Bottaro, che viaggiava con lui, al momento è ancora fra i dispersi anche se sono pochissime le speranze di trovarla ancora in vita.



12:30 Ancora al lavoro i Vigili del Fuoco di Alessandria
Sono proseguite senza sosta per tutta la notte le attività di ricerca e soccorso del personale USAR (Urban Search and Rescue) dei vigili del fuoco di Alessandria. Il personale in turnazione sul posto assicura l'operatività h24. Foto e video delle attività in corso sono disponibili sul sito vigilfuoco.tv



10:30
 Fra le vittime anche Marta Danisi, infermiera all'ospedale di Alessandria
La tragedia di Genova tocca ancor più in profondità anche il nostro territorio. Dalle attività di identificazione delle vittime emerge la conferma che fra le persone decedute nel crollo del ponte Morandi ci sono anche Marta Danisi, infermiera siciliana 29enne che lavorava dal 20 aprile all'ospedale Santi Antonio e Biagio di Alessandria, e il suo fidanzato. Su facebook il sindaco di Sant'Agata di Militello, Bruno Mancuso, paese di origine della ragazza, ha espresso tutto il suo cordoglio per quanto accaduto, annunciando la sospensione, in segno di lutto, di tutte le manifestazioni dell'estate santagatese fino al giorno 20 agosto.


Sono immagini che hanno colpito tutti, non solo i liguri, quelle che giungevano tramite i mezzi di informazione sul crollo del ponte Morandi, il 14 agosto, a Genova. 
Dalle prime informazioni, il ponte, un manufatto del 1967, lungo la autostrada A 10, avrebbe avuto un cedimento strutturale. Verso le 11,30 è crollato nel tratto che sovrasta il Polcevera, trascinando nella sua caduta le auto e i camion che vi stavano transitando e travolgendo tutto quanto vi era di sotto. In serata il numero delle vittime accertate era superiore alla trentina. Ancora diversi i dipersi. Una cinquantina le persone fatte sgomberare dalla zona.

Per tutta la giornata di ieri, martedì 14, si sono registrati ritardi e cancellazioni di treni verso Genova, anche quelli della tratta Alessandria - Genova, Ovada - Genova (cancellati, con il trasporto sostitutivo in bus attualmente in vigore limitato tra la stessa Ovada e Voltri) ed Arquata - Genova. 
Deviato anche il traffico autostradale poichè la città è praticamente divisa in due.
Dal comando del vigili del fuoco di Alessandria sono partite 9 unità specializzate nella ricerca di persone.

Il centro strasfusionale di Alessandria è inoltre aperto anche questa mattina, 15 agosto, a disposizione di chi vuole donare il sangue anche se, da Genova, assicurano che la situazione, dal punto di vista sanitario, è sotto controllo. 

Nella tarda serata di ieri il sindaco di Ovada Paolo Lantero ha voluto commentare l'accaduto con questo messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook: "Cari Concittadini, Genova per noi Ovadesi non è una città come le altre, molti di noi vi lavorano, altri vi studiano, in molti abbiamo passato attimi di vita che ci legano a questa città. Per raggiungere il cuore del capoluogo Ligure, tutti abbiamo attraversato quel ponte. Di fronte alle immagini di oggi, di fronte a quelle vite perdute resta solo il silenzio e la vicinanza di tutta la città di Ovada!. Un pensiero che rispecchia le sensazioni di tanti concittadini che lavorano a Genova, hanno un legame stretto con il capolluogo ligure. 
15/08/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa