Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Lercaro: nuova crisi. Lascia anche il commissario

Dopo l'addio del direttore Paravidino sarà sostituito anche il commissario straordinario Giovanni Maria Ghè. I due sono indagati dalla Procura di Vercelli per il ruolo all'Ipab Borsalino di Alessandria
 OVADA - E’ di nuovo crisi al vertice dell’Ipab Lercaro, la casa di riposo pubblica di riferimento per l’Ovadese. La nuova tegola si è manifestata con la necessità di sostituire il commissario straordinario nominato dalla Regione Giovanni Maria Ghè, l’uomo che con l’ex direttore Gian Paolo Paravidino avrebbe dovuto avviare un difficile percorso di risanamento. Ghè e Paravidino sono finiti nel registro degli indagati per una vicenda che riguarda un altro incarico, la guida dell’Ipab Borsalino di Alessandria. La procura di Vercelli ha infatti contestato la gestione delle gare d’appalto e i presunti favoritismi nei confronti della Punto Service di Caresanablot. Ghè e Paravidino sono stati raggiunti da provvedimenti interdittivi assieme Massimo Secondo, presidente di Punto Service, e Paolo Barbano, presidente della commissione di gara. I reati ipotizzati vanno dalla corruzione alla turbativa d’asta. L’immediata conseguenza è stata il decadimento di Ghè dal suo ruolo, l’avvio del procedimento per la sua sostituzione. “Ho parlato – spiega il sindaco Paolo Lantero – con i vertici della Regione. Mi hanno assicurato che sarà questione di settimane”. Per l’Ipab Lercaro, nell’immediato, una conseguenza notevole sull’operatività. La casa di riposo nei primi mesi del 2018 aveva vissuto difficoltà rilevanti per il pignoramento dei conti avviato da Proges, la cooperativa di servizi che detiene ingenti crediti verso l’Ipab. Come naturale conseguenza s’era arrivati al mancato pagamento degli stipendi dei lavoratori, poi rientrato. Proprio sotto la gestione Ghè – Paravidino era emersa la consistenza del debito accumulato negli anni passati superiore al milione di euro. La Policoop, principale fornitrice di servizi, non aveva mai reclamato quanto dovuto.

 

18/09/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi