Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Schianto nella notte, morto giovane di 20 anni

Ha perso la vita pochi giorni dopo il proprio ventesimo compleanno Mattia Repetti, di Basaluzzo. Il ragazzo, che nella notte di ieri, lunedì 26 agosto, stava viaggiando a bordo della propria Fiat Panda sulla strada che collega Novi a Pasturana, ha perso il controllo dell'auto ed è uscito di strada. Lo ricordano gli amici, increduli...
CRONACA - Ha perso la vita pochi giorni dopo il proprio ventesimo compleanno Mattia Repetti, di Basaluzzo. Il ragazzo, che nella notte di ieri, lunedì 26 agosto, stava viaggiando a bordo della propria Fiat Panda sulla strada che collega Novi a Pasturana, ha perso il controllo dell'auto ed è uscito di strada. Quando l'ambulanza del 118 è giunta sul posto, Mattia era ancora vivo, ma è giunto al pronto soccorso dell'ospedale San Giacomo in condizioni disperate. Alle 23.00, nonostante tutti i tentativi dei medici, il suo cuore ha cessato di battere.

Mattia Repetti viveva con la madre a Basaluzzo, in via Santa Maria. Appassionato di calcio, trascorreva spesso il proprio tempo in compagnia degli amici al centro sportivo del paese. In passato, aveva anche militato nei Giovanissimi dell'Ovada. Descritto come serio e responsabile da chi lo conosceva, Mattia studiava all'Itis Ciampini.

I carabinieri della compagnia di Novi Ligure stanno indagando sulla dinamica del sinistro. Secondo una prima ricostruzione, l'autovettura sarebbe sbandata e il corpo del ventenne basaluzzese sarebbe stato proiettato fuori dall'abitacolo. La data dei funerali non è ancora stata fissata: si attende il nulla osta del magistrato che potrebbe anche disporre l'autopsia sul cadavere del povero giovane.

Gli amici di Mattia Repetti ancora non si capacitano di come sia potuta accadere una simile tragedia. "Ieri sera eravamo insieme - afferma uno di loro - Dovevo tornare a casa insieme a lui, poi abbiamo cambiato programma e lui è andato da solo incontro al suo destino". In mattinata, hanno portato sul luogo dello schianto una piccola corona di fiori (nella foto in alto a sinistra). L'incidente è avvenuto sulla strada tra Novi e Pasturana, appena fuori dall'abitato di Novi, circa trecento metri dopo l'incrocio con la viale Romita (quartiere G3). In quel punto, la strada si presenta quasi come un rettilineo, con una curva "morbida" che potrebbe aver tratto in inganno il giovane Mattia.

Il suo primo allenatore, Guido Palese, lo ricorda con affetto: "L'avevo portato a giocare a Ovada. Con lui c'erano anche mio figlio e un altro gruppo di giovani della zona novese. Era un bravissimo ragazzo e la sua perdita ha ci ha sconvolto tutti". Cordoglio anche da parte del sindaco di Basaluzzo Gianfranco Ludovici: "Abitava con sua madre vicino a casa mia, ogni volta che lo incontravo scambiavamo due chiacchiere. Era cordiale e serio".

 
27/08/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 

Facebook


Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco