Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Un corso sulle novità del nuovo reato di "omicidio stradale"

Il 27 aprile al teatro Alessandrino gli agenti della Polizia Municipale e di altri organi di polizia stradale hanno partecipato ad un corso di formazione dove sono state illustrate le ultime novità dopo l’istituzione del nuovo reato autonomo di “omicidio stradale” e sono stati forniti utili aggiornamenti per l’attività operativa degli agenti
 ALESSANDRIA - Un corso di formazione per gli agenti delle Forze dell'Ordine di Piemonte e Regioni limitrofe sul nuovo reato di omicidio stradale che presenta ancora molte criticità applicative.  Il corso che si è svolto al cinema teatro Alessandrino nella giornata di ieri, mercoledì 27 aprile, è il secondo appuntamento alessandrino della società di Milano E- Police editoriale in collaborazione con il Comando della Polizia municipale di Alessandria e con il patrocinio del Comune di Alessandria. La prima edizione, svoltasi lo scorso novembre, era incentrata sulle corrette modalità di intervento da parte degli operatori di polizia durante le procedure di Tso (trattamento sanitario obbligatorio) e Aso (accertamento sanitario obbligatorio).

In questo secondo appuntamento l'attenzione è stata rivolta alle ultime novità sulle rilevazione degli incidenti, anche alla luce dell’istituzione del nuovo reato autonomo di “omicidio stradale”. Il primo marzo scorso è arrivato il sì definitivo da parte del Senato al provvedimento che istituisce il reato autonomo di "omicidio stradale". La legge recentemente varata prevede un severo inasprimento delle pene per i "pirati della strada", con l’arresto in flagrante per chi fosse alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe e provochi un incidente mortale, e arrivando fino a venti anni di carcere con le aggravanti per chi fugge. Durante la formazione si intende fornire agli operatori di polizia locale tutti gli strumenti per la corretta interpretazione normativa e per delineare il modus operandi nella quotidiana attività sulla strada.

A fare quindi il punto della situazione, sottolineando alcuni particolari ancora poco chiari di questa nuova legge (che con buone probabilità subirà già delle modifiche inserite nel varo del nuovo Codice della Strada) c'erano - oltre al comandante vicario della Municipale di Alessandria, Alberto Bassani, la relatrice Fiorella Passerini, vice comandante del Corpo Intercomunale di polizia locale “Rovereto e Valli del Leno” (TN) e Paolo Girotti, commissario superiore Polizia Municipale “Tresinaro Secchia” (RE). Ad introdurre i lavori è stato con un piccolo intervento il Questore di Alessandria, Andrea Valentino.

In merito alla rilevazione degli incidenti, si è parlato di i rilievi tecnici urgenti: tecniche di rilievo e modalità di verbalizzazione; l’escussione della persona informata sui fatti; validità degli atti: utilizzazione ed utilità; analisi forense della cinematica dell’evento: la ricostruzione del sinistro e le tecniche di accertamento della velocità; l’accertamento dello stato psico-fisico dei conducenti; circolazione e rilievi nelle rotatorie; le sanzioni rilevabili: applicazione e presupposti; omicidio stradale: novità e problematiche operative connesse.

Sono state inoltre analizzate le singole fattispecie comprese, con particolare riferimento alle parti operative di competenza dell’organo rilevatore in merito all’accertamento delle condizioni psicofisiche dei conducenti ed alle violazioni costituenti aggravante (con distinzione tra le aggravanti definite dinamiche, che sono cinque e quelle statiche) con illustrazione pratica dei principali metodi di accertamento della velocità dei veicoli.

Inoltre è stata proposta la risoluzione delle problematiche giuridiche e dei dubbi più frequenti: il rilievo di un sinistro con o senza feriti è facoltativo od obbligatorio? E se l’incidente è avvenuto su strada privata o nel parcheggio di un centro commerciale? E se è coinvolto un solo veicolo? Nel caso di incidente con feriti devo dare avvisi alla persona offesa e all’indagato prima dell’inizio delle attività? Se sì, quali? Ed alle persone informate sui fatti? Come deve essere effettuata la verbalizzazione delle attività compiute? Nel caso di incidente con feriti sequestro o meno i mezzi? Posso controllare l’interno del veicolo ed asportare cose in esso contenute?

Sponsor dell’evento erano le aziende fornitrici di servizi per i Comuni e i Comandi di polizia locale: Traffic Tecnology srl, sistemi e apparecchiature di controllo per il traffico; Sicurezza e Ambiente spa, servizio di ripristino post incidente; Marco Polo snc, gestione chiavi e bacheche elettroniche; 3i engineering, progettazione e consulenza tecnica per enti pubblici e privati; Fototrappolaggio, tecnologie innovative per Forze dell’ordine e vigilanza; GeG telecomunicazioni La Rochelle, abbigliamento e accessori per privati e Forze dell’ordine.
28/04/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri