Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Ana Krezic: "In Tv racconto la mia Croazia con la Gialappa's"

Torna anche questa sera sul canale Mediaset che segue i Mondiali con ironia la barista ovadese che ha già portato fortuna alla sua nazionale con la Danimarca e la Russia
OVADA - Il commento ironico della Gialappa's Band è ormai un "must" per tutti coloro che, dal 1990 ad oggi, desiderano seguire i Mondiali e gli Europei di calcio in maniera più leggera e divertente rispetto alla telecronaca tradizionale. Quest'anno nel salotto di "Mai dire Mondiali" - trasmissione di Mediaset Extra in onda dalla partita inaugurale di Russia 2018 fino alla finale di domenica prossima - si sono alternati diversi ospiti, dai campioni del mondo dell'82 Francesco "Ciccio" Graziani, Fulvio Collovati, Antonio Cabrini e Paolo Rossi alle giornaliste Elena Tambini e Monica Bertini, fino - in qualità di tifosi - al comico Enrique Balbontin e alla cantante Nathalie. A supportare la cavalcata della Croazia di Zlatko Dalić ci ha pensato invece Ana Krezic, che da Ovada ha raggiunto gli studi di Cologno Monzese per assistere agli ottavi e ai quarti. In entrambi i casi i biancorossi si sono qualificati alla fase successiva vincendo con i tiri dal dischetto, soprattutto grazie alle parate del portiere Subasic. "Ho passato due serate in bella compagnia - racconta - anche se patendo un po’ dato che la Croazia ormai ci ha preso gusto con i rigori".

Il debutto sul piccolo schermo è avvenuto proprio in occasione della sfida alla Danimarca. "La produzione cercava una ragazza croata - prosegue Ana -. Mi hanno chiesto di inviare un video di presentazione e dopo averne selezionato qualcuno (tra coloro che hanno presentato un filmato, ndr) e un po’ di battaglia, alla fine hanno scelto me. Sono contentissima, si tratta della mia prima esperienza televisiva, ma in studio tutto lo staff è composto da persone gentilissime che ti fanno sentire subito a tuo agio". Oltre alle battute e al commento sarcastico di Marco Santin, Carlo Taranto e Giorgio Gherarducci, a cui si aggiungono le incursioni dell'imitatore Gianfranco Butinar, è inevitabile soffermarsi sull'aspetto sportivo del torneo, visto che l'undici di Dalić è già tra le prime quattro del mondo. Inevitabile fare un pensiero alla finale di domenica prossima. "Sono felicissima di vedere la mia squadra giocare in modo un po’ diverso rispetto al solito, e per me nuovo - conclude Ana - perché sostanzialmente essendo in uno studio televisivo e poi io essendo una grande tifosa sono andata principalmente per guardare la partita. La Gialappa's Band è simpaticissima e domani c’è la semifinale: speriamo che porti bene di nuovo andare lì (stasera a partire dalle ore 20.00 proprio su Mediaset Extra, Canale 34)". Pochi dubbi anche sul giocatore che potrebbe spostare gli equilibri a favore dei croati. "Modric è la perfezione nel centrocampo è difficile che sbagli un passaggio e si dà da fare fino all’ultimo".
11/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco