Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Pernigotti, sciopero a oltranza. Ma l'azienda tira dritto verso la chiusura

Sciopero a oltranza e assemblea permanente. Lo hanno deciso i lavoratori della Pernigotti di Novi Ligure. Ma l'azienda tira dritto e non prevede di cedere lo stabilimento e il marchio ad altri. Così la fabbrica è destinata alla chiusura
NOVI LIGURE – Sciopero a oltranza e assemblea permanente. Lo hanno deciso i lavoratori della Pernigotti durante la riunione di questo pomeriggio allo stabilimento di viale della Rimembranza. I dipendenti rimarranno a presidiare la fabbrica per evitare che venga smantellata e si asterranno dal lavoro per protestare contro la decisione del gruppo Toksoz di chiudere il sito produttivo di Novi Ligure. «Già stasera partirà la richiesta di incontro al ministero dello Sviluppo Economico, spiega Enzo Medicina della Fai-Cisl.

Intanto però la Pernigotti tira dritto per la sua strada. Ha già fatto partire la richiesta di cassa integrazione straordinaria per il periodo che va dal dicembre di quest’anno al novembre del prossimo, per «parziale cessazione dell’attività aziendale». In un comunicato stampa, la Pernigotti spiega che è prevista «l’immediata cessazione di attività inefficienti» e poche righe sotto ribadisce che «si procederà alla cessazione delle attività produttive presso lo stabilimento di Novi Ligure».

Sempre con lo stesso comunicato stampa, l’azienda fa sapere che «a salvaguardia di un brand storico come Pernigotti, continuerà la distribuzione e commercializzazione dei prodotti alimentari» e «procederà all’individuazione di partner eccellenti a cui affidare la produzione dei propri articoli». Che tradotto significa quanto già denunciato dai sindacati: i Toksoz utilizzeranno il marchio Pernigotti per commercializzare dolciumi prodotti altrove, anche all’estero.

Il comunicato si conclude spiegando che «l’azienda intraprenderà tutte le azioni necessarie a limitare quanto più possibile le conseguenze sociali di questo piano». «L’azienda esplorerà e valuterà tutte le ipotesi, adoperandosi affinché il personale possa essere ricollocato presso aziende operanti nel medesimo settore o terzisti». Ma la cessione dello stabilimento e del marchio ad altri – evitando così la chiusura della fabbrica – questo no, non è previsto. E addio Novi.
7/11/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali