Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Gavi

Temperature sotto zero, gravi danni ai vigneti: "Mai vista una cosa così"

Le gelate hanno rovinato ettari ed ettari di vigne in tutto il basso Piemonte: colpita in particolare la zona di Gavi e di Ovada, ma anche l'acquese e la val Borbera. Tra gli agricoltori c'è chi teme di non poter vendemmiare il prossimo autunno. L'agronomo Davide Ferrarese: "Una situazione molto grave"
GAVI – «Mai vista una cosa così». In oltre vent’anni di lavoro è la prima volta che l’agronomo gaviese Davide Ferrarese si trova davanti a una gelata in aprile con danni così estesi. Le temperature della scorsa notte hanno rovinato ettari ed ettari di vigne in tutto il basso Piemonte: colpita in particolare la zona di Gavi e di Ovada, ma anche l’acquese e la val Borbera.

Le temperature sono scese precipitosamente sotto zero e un forte vento ha contribuito ad aggravare la situazione. I danni ai vigneti, soprattutto a quelli di fondo valle, sono gravi ed estesi.
Dalla Cia, la Confederazione degli agricoltori, parlano di «una gelata che in alcuni casi ha compromesso dalla metà alla quasi totalità delle vigne» e c’è chi teme addirittura di non poter vendemmiare il prossimo autunno.

«La situazione è molto grave – spiega Ferrarese – ma occorrerà ancora un po’ di tempo per valutare con precisione i danni. Anche perché un lieve rialzo delle temperature minime è previsto solamente a partire da venerdì».
L’ondata di freddo ha bruciato i germogli in fiore nella fase più delicata della primavera. Secondo i dati raccolti dalle stazioni meteo dell’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, le temperature minime sono scese a –2 gradi ad Arquata, –0,9 a Basaluzzo, –0,5 a Ovada e a Gavi.

Al di là dei dati delle centraline meteo, però, c’è da considerare che negli avvallamenti tra le colline si creano microclimi molto differenti. «In alcuni vigneti che monitoro, questa mattina [ieri per chi legge; ndr] abbiamo registrato anche 1,5-2 gradi sotto lo zero», dice Ferrarese.
Alcuni Comuni hanno già manifestato l’intenzione di chiedere alla Regione Piemonte lo stato di calamità per i danni alle colture. «Una posizione che sosteniamo a difesa dei redditi delle aziende colpite», fanno sapere dalla Cia.
20/04/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione