Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

"Pulmino in fiamme, Cit in fumo?"

Il comitato "Alfare", l'associazione "Avanti Novi" e il circolo "Energie per Novi e Gavi" esprimono preoccupazione per l'incendio a un pulmino del Cit e per la situazione generale della società di trasporto
NOVI LIGURE – Riceviamo e pubblichiamo dal comitato “Alfare”, dall'associazione civica “Avanti Novi” e dal circolo “Energie per Novi e Gavi” a proposito dell'incendio a un pulmino del Cit e della situazione generale della società di trasporto.

Abbiamo appreso dell’incidente capitato vicino a Bosio al pulmino Cit che era stato destinato al servizio di trasporto passeggeri: un incendio al motore che, ce ne rallegriamo, non ha avuto conseguenze oltre allo spavento dei passeggeri.
Noi di Alfare, Avanti Novi ed Energie per Novi e Gavi non possiamo però accettare lo scarica-barile attuato dal presidente del Cit, che attribuisce il problema solo alla manutenzione fatta a un mezzo che in realtà lo stesso Cit aveva acquistato l’anno scorso già vecchio di 15 anni e con più di 500 mila chilometri sul groppone, specie quando, il 30 settembre dell’anno scorso, Cit festeggiava (con tanto di cibo e musica) presso il Movicentro di Novi ligure l’acquisto di un nuovo pullman granturismo.

Tutto questo, per noi di Alfare, Avanti Novi ed Energie per Novi e Gavi, è sintomo di una gestione del trasporto pubblico locale che, così com’è, non va. In questi ultimi anni il cosiddetto “Consorzio Intercomunale Trasporti” ha tagliato, e di brutto, proprio le corse al di fuori del territorio comunale di Novi Ligure: l’amministrazione novese, che detiene la maggioranza di Cit, ha attuato un comportamento indegno per chi ambisce a essere centrozona, e questo senza migliorare affatto il servizio in città.
Per di più, il Cit, sostenuto da anni con i soldi di noi contribuenti, fa concorrenza a imprese private che, con il pagamento delle tasse previste dalla legge, di fatto finanziano quello stesso Cit che toglie loro quote del mercato dei bus turistici e le navette da e per l’Outlet che a loro serve per vivere.
Francamente, non comprendiamo affatto l’utilità sociale di carri funebri, pullman granturismo e bus navetta per l’Outlet, servizi che i privati sono in grado di fare, e magari anche meglio.

Per questo a noi di Alfare, Avanti Novi ed Energie per Novi e Gavi non basta che si cominci timidamente a parlare di tagli e cessioni: noi chiediamo, da anni, che si mettano immediatamente sul mercato, senza il tira e molla che abbiamo visto per anni quando si è trattato di vendere la farmacia Comunale, i rami aziendali del Cit che non sono servizio pubblico (pompe funebri, bus turistici), per investire i soldi ottenuti nel rinnovo e nella razionalizzazione del parco mezzi, per salvaguardare il lavoro e la sicurezza degli autisti, l’incolumità dei passeggeri e, soprattutto, migliorare la qualità del servizio a vantaggio sia di Novi Ligure che dei Comuni vicini, con un’ottica lungimirante che, purtroppo, a questi politici e para-politici, attualmente al potere a Novi, proprio non appartiene.

Comitato Liberale “Alfare”
Associazione Civica “Avanti Novi”
Circolo “Energie per Novi e Gavi”
20/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali