Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Alessandro Grosso, l'artigiano novese alla Prova del Cuoco: "Porterò i corzetti in tv"

Per cinque giorni Novi Ligure sarà protagonista a "La prova del cuoco" grazie ad Alessandro Grosso. L'artigiano novese porterà in tv corzetti e Montebore. Una passione per la cucina nata al Mulino di Borghetto: "Mio padre per punizione mi mandava a lavare i piatti..."
NOVI LIGURE – Per cinque giorni Novi Ligure sarà protagonista a “La prova del cuoco” grazie ad Alessandro Grosso, l’artigiano novese titolare della Ab 1910 Wood Design, un’azienda specializzata nella produzione di arredi su misura in legno pregiato. Da lunedì 19 a venerdì 23 novembre, Alessandro parteciperà alla popolare trasmissione televisiva di Rai Uno, lanciata nel 2000 da Antonella Clerici e oggi condotta da Elisa Isoardi.

Grosso sarà in onda dalle 13.00 alle 13.30. Affiancato da un diverso chef stellato ogni giorno (lunedì sarà Riccardo Facchini di Bologna), il 60enne novese dovrà vedersela con Valerie Casto da Lecce: alla fine della settimana, il vincitore della sfida avrà accesso alle finalissime della primavera 2019 che metteranno in palio un montepremi da ben 100 mila euro. «A quel premio nemmeno penso! – spiega Grosso – Vado per divertirmi e per promuovere il territorio novese: porterò con me una forma di Montebore e lo stampo per i tipici corzetti novesi che preparerò in diretta». Ad assaggiarli ci sarà anche l’ex Miss Italia Martina Colombari, in giuria con la critica gastronomica Natalia Cattelani e lo chef Davide Pezzuto.

Arrivare in trasmissione non è stato facile: «Ai provini, a Genova, eravamo in duecento e siamo stati scelti in due. A livello nazionale i selezionati sono 35 a fronte di migliaia di richieste». Grosso, che oggi si divide tra il negozio di corso Marenco e il magazzino nella zona artigianale Cipian, ha ereditato la passione per la cucina dal padre, anche se per vie un po’ particolari: «Gestiva il Mulino di Borghetto Borbera e poiché da ragazzino ero un po’ discolo, al pomeriggio mi metteva in cucina ad aiutare i cuochi e a lavare i piatti». «Lo stesso – continua Grosso – vale per la mia attività di restauratore: aveva l’hobby dell’antiquariato e mi metteva spesso a fare i lavori manuali per punizione».

Sembra incredibile, ma alla fine papà Nino ha avuto ragione su tutta la linea e Alessandro oggi si dedica con entusiasmo alla cucina e al suo lavoro. Partito come restauratore di mobili antichi e falegname, da alcuni anni Grosso si è trasformato in interior designer e realizza arredamenti completi su misura, conosciuto e apprezzato tanto da aver lavorato per diversi vip. Ma non solo: «Ho realizzato anche una cucina su misura per uno show cooking a cui ha partecipato Antonino Cannavacciuolo [nella foto]», il cuoco divenuto famoso anche grazie a programmi tv come “Master Chef” e “Cucine da incubo”.
18/11/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi