Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Progetto Giovani: 8 richiedenti asilo raccontano l’immigrazione ai ragazzi

L'interessante iniziativa si è svolta grazie all'associazione Cambalache e ha coinvolto circa 80 ragazzi partecipanti al corso per giovani di Cultura e Sviluppo: "un'esperienza estremamente arricchente e di grande impatto. Questo è davvero il miglior modo per abbattere i pregiudizi"
ALESSANDRIA - I richiedenti asilo vivono in città, anche ad Alessandria. Qual è il modo migliore per conoscerli se non incontrarli e ascoltare le loro storie?

I ragazzi e le ragazze lo sanno ed è per questo che alcuni giorni fa hanno riempito la sala dell’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria per partecipare all’incontro organizzato nell’ambito del Progetto Giovani.
Da un lato, circa 80 giovani alessandrini che non si accontentano di conoscere l’immigrazione attraverso le immagini dei telegiornali, gli articoli dei quotidiani o gli stereotipi che proliferano sui Social Network. Dall’altro, 8 richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale dei progetti SPRAR e CAS di APS Cambalache.

Sono stati creati due percorsi di 4 tappe. Ad ogni tappa i ragazzi hanno potuto incontrare i richiedenti asilo che, a piccoli gruppi, hanno portato la loro testimonianza.
I primi passi sono stati mossi nei paesi d’origine dei migranti, attraverso i loro racconti sui contesti sociali e politici che li hanno spinti a cercare rifugio altrove. Un altrove raggiunto con mille sacrifici, affrontando un viaggio pericoloso e difficile.
Nella terza tappa di questo percorso i partecipanti hanno potuto riflettere sul tema dell’integrazione in Italia, ascoltando un altro punto di vista: quello di chi arriva e ha delle aspettative, dei sogni, degli obiettivi che cerca di raggiungere un tassello alla volta con il lavoro, lo studio, il volontariato.
Fatiche che, a volte, vengono spazzate via dalle difficoltà burocratiche per ottenere un permesso, dalla lentezza del sistema che genera ansia e preoccupazione.

Storie di vita completamente diverse, ma sensazioni e paure simili. In fondo, tra coetanei ci si capisce. Ci si capisce anche meglio se ci si guarda in faccia, se si costruiscono più spesso occasioni per stare insieme.
Come Associazione vorremmo raccogliere l’esigenza espressa dai giovani alessandrini presenti all’incontro. L’apertura e la curiosità manifestate durante la serata sono una ricchezza per noi, per la città e per i nuovi cittadini che la abitano.
APS Cambalache promuove alcune occasioni di incontro e svago, come le lezioni di apididattica all’apiario urbano al Forte Acqui o le serate di “Indovina chi viene a cena?”, a cui tutti i ragazzi che abbiamo conosciuto sono invitati. Ma la porta della nostra sede in Piazza Monserrato è sempre aperta a nuove idee e proposte che possano coinvolgere la cittadinanza!
28/01/2017
Associazione Cambalache - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri