Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Gavi

A Spazio Arte c'è "L'allegro convento" di Grazia Genta

L'artista savonese espone a Gavi: in mostra una serie altorilievi in ceramica dipinta con colori brillanti e vivaci, che rappresentano con ironia suore occupate nelle più svariate attività. E così ecco le monache in spiaggia a prendere la tintarella o in cantina a gustare il vino novello
GAVI – Al rigore severo dei conventi, alle regole ferree, a quell’immaginario di proibizioni e divieti che si è soliti associare all’esistenza delle suore in monastero e ai nostri ricordi d’infanzia, d’oratorio e catechismo, Grazia Genta contrappone l’universo naif di monache non solo operose, occupate nelle più diverse attività, ma anche giocose, allegre, ironiche e stravaganti.

La fantasia e il sorriso attraversano dunque la personale di questa artista savonese, intitolata non a caso “L’allegro convento”, una serie di altorilievi in ceramica dipinta con colori brillanti e vivaci. Come streep di vecchi comics da giornalino, ciascuno racconta una piccola storia delle consorelle, tra quotidianità e situazioni paradossali: sul trattore per arare il campo, in spiaggia con occhialoni e cappello per la tintarella, a spillare e gustare il vino novello.

Con un’iconografia che ricorda le stravaganti morbidezze di Botero e le novelle di Guareschi, insieme alle formelle, l’artista espone anche alcune statuette in terracotta delle suorine, realizzate con cura nei particolari di un volto paffuto e sempre un po’ trasognato, negli inserti in legno o stoffa che arricchiscono la figura: le cassettine di frutta e verdura, la botticella del vinello, il paiolo della polenta.
Grazia Genta, si è dedica allo studio della ceramica con l’artista ligure Laura Romano. Ha partecipato a numerose mostre e manifestazioni nazionali tra cui l’Arte Fiera Genova e ha preso parte alla recente rassegna “Rigorosamente 20x20 in tour” a Spazio Arte. Oggi le sue opere sono pubblicate su cataloghi e annuari di arte moderna.

La mostra sarà visitabile fino al 28 ottobre, in Corte Zerbo di Gavi. Orario: da giovedì a domenica, dalle 16.00 alle 19.00. Ingresso libero.

Nella foto: la direttrice della galleria Alessandra Guenna (a sinistra) con l'artista Grazia Genta.
11/10/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi