Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Fresonara

Fresonara, a teatro arriva il sound dei Mamasuya

Mamasuya in concerto a Fresonara: il teatro Comunale ospiterà l'esibizione del trio di musicisti formatosi nel 2008 grazie all'incontro di Stefano Resca, Nicola Bruno e Matteo Cerboncini
FRESONARA – Mamasuya in concerto a Fresonara. Questa sera, venerdì 9 marzo, alle 21.00, il teatro Comunale di piazza Don Orione ospiterà l’esibizione del trio di musicisti formatosi nel 2008 grazie all’incontro di Stefano Resca (batteria), Nicola Bruno (basso elettrico) e Matteo Cerboncini (chitarre). L’appuntamento fa parte della rassegna “Musica in teatro” (ingresso 10 euro).

L’idea musicale e spirituale alla base del gruppo è quella di suonare senza le restrizioni dettate da etichette o generi musicali, poiché esse sembrano imbrigliare il carattere poliedrico dei componenti, per cui nella musica dei Mamasuya sono presenti influenze differenti e in continua evoluzione, con una solida radice dettata da un concetto (quello del power trio) molto caro a tutti e tre i musicisti.

Il primo eponimo album, uscito nel 2011, è un mix di rock e funk, blues e soul, psichedelia e swing che ha suscitato molto interesse, anche per la qualità e la potenza degli spettacoli dal vivo che hanno seguito la pubblicazione del disco. La capacità dei componenti dei Mamasuya di essere contemporaneamente musicisti, arrangiatori, fonici e produttori è stata il marchio di fabbrica di questo primo lavoro, in cui Marco Scipione (sassofono tenore), Luca Dell’Anna (piano elettrico e organo Hammond) e Andrea Manuelli (clavinet) compaiono come musicisti addizionali. I Mamasuya hanno anche recitato nel cortometraggio “Mamasuya in Boogaloo Street” diretto da Andrea Scagnelli e prova di un forte interesse da parte della band per il mondo del cinema e delle immagini, oltre che per la musica.

Nel 2013, grazie all’incontro con il musicista tedesco Johannes Faber (tromba, tastiere e didjeridoo), che stava in quel momento tentando di staccarsi da un certo ambiente da lui definito “Jazztapo” e con il produttore e ingegnere del suono Andrea Tripodi, i Mamasuya hanno potuto ampliare ulteriormente le proprie possibilità musicali e alleggerire un po’ il proprio carico di lavoro, concentrandosi su ciò che amano di più, e cioè la musica.

Questo fortunato evento ha dato i suoi frutti con la pubblicazione di “Mexican Standoff” nel 2016, in cui gli elementi presenti nel primo disco vengono potenziati e espansi verso lidi immaginifici, generando una sorta di musica immaginaria, che sembra essere l’unica etichetta possibile per descrivere l’idea di questo album.

Lo spettacolo in quartetto con Faber (e la presenza in seconda linea di Andrea Tripodi nei panni del doppio ruolo di fonico e dubmaster) è un vero e proprio viaggio musicale immaginario a cui bisogna abbandonarsi totalmente per goderne in pieno. I Mamasuya e Faber hanno recitato ancora (e co-diretto con Leonardo Tobia) nel loro secondo video musicale, “El Pueblo” , singolo designato per il traino di “Mexican Standoff”.
9/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri