Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

La Libarna nascosta portata alla luce dagli americani

Dagli Stati Uniti a Serravalle per studiare i resti dell'antica città romana di Libarna. Per il secondo anno consecutivo i ricercatori di due università statunitensi, la Texas Tech University, la Boise State University, passeranno al “setaccio” la zona tra Serravalle ed Arquata per svelare i segreti sepolti dell'insediamento di Libarna
SERRAVALLE SCRIVIA - Dagli Stati Uniti a Serravalle per studiare i resti dell'antica città romana di Libarna. Per il secondo anno consecutivo i ricercatori di due università statunitensi, la Texas Tech University, la Boise State University, passeranno al “setaccio” la zona tra Serravalle ed Arquata per svelare i segreti sepolti dell'insediamento di Libarna. Circa il 90% dei resti della citt romana non sarebbe ancora stata portata alla luce.
Intanto, grazie all'utilizzo di droni e di sistemi di rilevazione che sfruttano le onde energetiche, si conta di completare una mappa precisa di Libarna. Se ci saranno sufficienti elementi, non è escluso che si possano aprire nuovi scavi.
Nel progetto, denominato Libarna Urban Landscape, a fare la parte del leone sono però le due università americane che si sono attivate per reperire i fondi, anche attraverso una sottoscrizione tramite Facebook. “Sono arrivate donazioni dal Canada, dalla Nuova Zelanda, dall'Australia”, dicono le due ricercatrici Katherine Huntley della Boise e Hannah Friedman della Texas che ieri hanno presentato il progetto nella sede della Provincia di Alessandria.
“Attraverso l'uso dei droni e di georadar – spiegano – siamo riusciti ad individuare la presenza di costruzioni. Quest’anno proseguiremo la ricerca. Ci aspettiamo di riuscire a “vedere” molto, soprattutto grazie al georadar, tecnica veloce”. Ci potranno essere anche scavi mirati, per la ricerca di resti botanici ed archeozoologici. “Nelle università – spiega ancora Katherine Huntley – si studia più che altro la storia di siti come Pompei e altri del centro Italia. Ma riteniamo Libarna di grande interesse come testimonianza per tutto il nord Italia, prima che le conquiste romane arrivassero ad omologare tutti i territori conquistati”.
Già lo scorso anno, attraverso il meccanismo delle onde elettriche rinviate dai sistemi di rilevamento, è stato possibile individuare la presenza dei resti di quello che potrebbe essere un antico tempio.
Provincia e Regione, rappresentati dal presidente Gianfranco Baldi e dal vice Federico Riboldi e dal consigliere regionale Luca Rossi, hanno ovviamente rivolto un plauso all'entusiasmo e alla determinazione della due ricercatrici. Così come il comune di Serravalle e quello di Arquata che offrono un supporto logistico alla missione, insieme all'associazione Libarna Eventi. Alla Sovrintendenza Archeologica, e in particolare all'ex direttore di Libarna Alessandro Quaglia, va il merito di aver avviato i rapporti con le università americane. Servirebbero ingenti risorse per riportare alla luce i resti già individuati e quelli che saranno scovati quest'anno. Ma questo è un altro capitolo.
5/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano