Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

In cammino verso il 21 marzo, giornata contro le mafie

Il primo giorno di primavera ricorre la Giornata nazionale contro le mafie. Il presidio di Novi Ligure di Libera, l'associazione fondata da don Ciotti, la celebra con una escursione nel parco delle Capanne di Marcarolo
BOSIO – In cammino verso l’appuntamento del 21 marzo. Primo giorno di primavera, sì, ma anche appuntamento importante per la cultura civica del nostro Paese: dall’anno scorso, infatti, il 21 marzo è per legge “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. Una ricorrenza che, in realtà, si celebra fin dal 1996, su impulso di Libera, la rete di associazioni fondata da don Luigi Ciotti per combattere la criminalità organizzata con le armi della legalità, della solidarietà e della giustizia sociale.

“Cento passi verso il 21 marzo” è il nome della serie di iniziative che, in tutta Italia, saranno organizzate da Libera per sottolineare l’importanza di quella data. Quale posto migliore, qui da noi, per mettersi in cammino metaforicamente e concretamente se non il parco naturale delle Capanne di Marcarolo?

Per sabato 17 marzo, infatti, il presidio novese di Libera organizza la manifestazione “Passi di memoria e di impegno” che prenderà il via alle 10.00 presso Cascina Pizzo con i saluti dei rappresentanti dell’associazione Memoria della Benedicta, cui seguirà un’introduzione a cura dei volontari di Libera sul significato della Giornata nazionale antimafia. Poi gambe in spalla per una semplice escursione che toccherà la Tana del Lupo e l’Ecomuseo di Cascina Moglioni, dove è prevista la pausa pranzo. Dopo la visita all’ecomuseo, ritorno a Cascina Pizzo per la chiusura della manifestazione (ore 16.00 circa).

L’accompagnamento è a cura dei guardiaparco. Per info e iscrizioni scrivi qui. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con G. S. Valliriunite, Nordic Walking Passion Alessandria, Isral, Cai, Anpi, associazione Memoria della Benedicta, ente delle Aree protette dell’Appennino Piemontese e Comune di Bosio.
12/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi