Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Resta in silenzio l'uomo accusato della morte della madre

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Mauro Traverso, l'uomo accusato della morte della madre Igina Fabbri. Arrestato venerdì, resta in carcere ad Asti
CRONACA – Si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al giudice, per l'interrogatorio di garanzia, Mauro Traverso, l'uomo di 46 anni di Arquata Scrivia accusato di sequestro di persona e omicidio per la morte della madre, Igina Fabbri, 71 anni.
E' stato arrestato venerdì ad Asti, dopo un'indagine minuziosa svolta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Alessandria, durata 5 mesi.
Igina Fabbri fu trovata nel pomeriggio del 6 febbraio con i polsi legati da una fascetta, nella casa disabitata e chiusa da tempo in borgata Pessino, ad Arquata (nella foto). A dare l'allarme era stato lo stesso figlio Mauro, ora accusato di aver lasciato la donna isolata, al buio e al freddo. Il referto del medico legale indica infatti l'ipotermia come causa della morte.
Ieri, durante l'interrogatorio, assistito dall'avvocato del foro di Asti Aldo Mirante, Traverso non ha rilasciato dichiarazioni. Sentito dai carabinieri, nel corso dell'indagine, aveva però negato di aver lasciato la madre legata nella casa disabitata per giorni.
I carabinieri, attraverso l'analisi del traffico telefonico, le testimonianze e le immagini delle telecamere di videosorveglianza di Arquata, hanno “smontato” il suo racconto.
Lui aveva detto di aver accompagnato la madre nella villa per “fare pulizie” il giorno 5 e di essersi accorto che non era rientrata solo il pomeriggio successivo. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, invece, avrebbe portato Igina nella villa di Pessino già il giorno 4, lasciandola quindi per più di 48 ore con i polsi legati, al freddo (indossava solo una maglietta ed era senza scarpe al momento del ritrovamento). Nel frattempo, avrebbe prosciugato il conto corrente della donna, che lo manteneva.
I due abitavano sempre ad Arquata, in un appartamento in via Avio.
9/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini