Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Nei paesi poche sorprese: la Lega fa il pieno in val Borbera, il Pd resiste a Voltaggio

Il voto nei Comuni del novese riserva poche sorprese: quasi ovunque il M5s è il primo partito ma la coalizione di centrodestra vince all'uninominale. Il Pd supera i grillini solo a Voltaggio e Grondona. I Cinque Stelle vincono a Fresonara e Parodi. In val Borbera trionfo della Lega. Ad Arquata Scrivia bene Sabbi con Potere al Popolo
NOVI LIGURE – Il voto nei vari Comuni del novese non riserva molte sorprese. Un po’ ovunque si replica lo schema già noto: nel proporzionale lo scettro di primo partito spetta al Movimento 5 Stelle, ma è la coalizione di centrodestra ad attrarre i maggiori consensi e a imporsi nel voto all’uninominale. Il Pd e la coalizione di centrosinistra quasi ovunque finiscono terzi.

Poche le eccezioni. Cominciamo dai paesi in cui il paradigma si inverte completamente, vale a dire da dove il Partito Democratico riesce a strappare la vittoria. Si tratta di Grondona e Voltaggio, dove i dem ottengono rispettivamente il 28,4 e il 33,2 per cento. Nel paese della valle Spinti, il centrodestra è al 29,8 per cento e i grillini al 26,8, ma il centrosinistra raggiunge il 33,4. A Voltaggio, Cinque Stelle fermi al 21,8, il centrodestra ottiene il 33,6 ma non basta a raggiungere il centrosinistra che tocca quota 37,4 per cento.

Il M5s supera il centrodestra a Fresonara (40,5 contro 39,3) e a Parodi Ligure (35,5 contro 32,9). A Carrega Ligure pareggio con il 35,3 per cento ciascuno.

In tutti gli altri centri si registra la vittoria del centrodestra. Che è più netta in val Borbera: ad Albera Ligure Lega, Forza Italia e compagnia raggiungono il 61,8 per cento, a Rocchetta il 58,2, a Mongiardino il 55,5, a Cabella e Cantalupo sfiorano il 55 per cento. Merito soprattutto del movimento di Salvini, che in val Borbera fa il pieno, ottenendo più del doppio dei voti di Forza Italia. Se si esclude la piccola Albera Ligure, il risultato migliore il partito di Berlusconi lo fa a Bosco Marengo (19,8 per cento), terra natale di Ugo Cavallera, candidato per Forza Italia che però non ce l’ha fatta a entrare in Senato.

Liberi e Uguali ha ottenuto quasi ovunque risultati tra il 3 e il 4,5 per cento. Picchi positivi a San Cristoforo (10,8), Grondona (7,7) e Carrega (5,9). L’altra formazione di sinistra, Potere al Popolo, non è riuscita a sfondare ma ha ottenuto un risultato lusinghiero (3 per cento) ad Arquata Scrivia dove era candidato il consigliere comunale Diego Sabbi. Bene anche a Fraconalto (5,1 per cento) e a Carrega Ligure (14,7 per cento), dove però il numero di elettori in gioco, ovviamente, era molto più basso rispetto ad Arquata.

Nella tabella, i risultati del proporzionale della Camera:

7/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo