Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Basta!!!

La storia di Simona ha colpito l’opinione pubblica per la sua tragicità, suscitando sentimenti di dolore e pietà, ma ha anche acceso i riflettori, nuovamente, sull’inadeguatezza del sistema giuridico italiano, in ambito di violenza di genere, perché ancora una volta ci si ritrova a commentare qualcosa che le Istituzioni avrebbero potuto evitare
OPINIONI - In questi giorni abbiamo assistito, sgomente, all’ennesimo atto di efferata violenza, contro una donna, a pochi passi da casa nostra. La storia di Simona, donna di 40 anni abitante nella vicina Vercelli, ha colpito l’opinione pubblica per la sua tragicità, suscitando sentimenti di dolore e pietà, ma ha anche acceso i riflettori, nuovamente, sull’inadeguatezza del sistema giuridico italiano, in ambito di violenza di genere, perché ancora una volta ci si ritrova a commentare qualcosa che le Istituzioni avrebbero potuto evitare.

L’uomo che lucidamente si è appostato per strada per aspettare il passaggio in auto di Simona, l’ha speronata, costringendola a fermarsi, per poi malmenarla e infine darle fuoco, poteva e doveva essere fermato.

Simona lo aveva lasciato dopo pochi mesi di relazione poi, dopo una serie di persecuzioni, lo aveva denunciato e aveva tentato di riprendere la sua vita. A distanza di due anni non era stato preso alcun provvedimento a suo carico, permettendogli la messa in atto del suo piano finale: eliminare fisicamente la donna che lo aveva lasciato.

Non possiamo più tollerare ritardi e sottovalutazioni del rischio da parte di chi è chiamato a tutelare i cittadini; non possiamo più accettare che le donne, dopo l’enorme fatica di uscire da una relazione violenta, stravolgendo la loro vita e quella dei loro figli, siano abbandonate dalle Istituzioni nel momento più pericoloso del loro percorso.

Da tempo lo diciamo e oggi lo ribadiamo per Simona e per tutte le altre: occorrono corsie privilegiate nella presa in carico dei reati di violenza di genere, per velocizzare iter e procedure, perché la tempestività in questi casi è davvero una questione di vita o di morte.

Su questo labile confine, sta lottando Simona, simbolo, suo malgrado, di un sistema di protezione che non ha funzionato, ma anche della grande forza che è insita nelle donne.

Ci stringiamo attorno a lei e alle persone che le vogliono bene, ricordando che il Centro Antiviolenza me.dea e L’Albero di Valentina operano ogni giorno per contrastare la violenza di genere e sono a disposizione per accogliere e sostenere le donne.

www.medeacontroviolenza.it – 800 098 981

Fb: L’Albero di Valentina

12/02/2019
me.dea e L'Albero di Valentina - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa