Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Lissondria, me cl'era e me c'lè

Guardiamo al futuro, alla globalizzazione, alle culture del mondo, d'accordo: ma ricordiamo anche com'era Alessandria un tempo, nella sua 'lingua' originale. E come è oggi. In dialetto
OPINIONI - Chi ch’el cunoss Lissòndria el po’ nént fè a meno ‘d ricunossi i tòncc cambiamént che u jè stacc da la fén dla guera au dì d’ancò.

Cambiamént tùcc anséma pusitiv onche se tùcc i cunossu el caratèr critic di lissandrén ma, aurénda fè mént lucàl , am vis ad quondi a Lissòndria u s’andava a crumpè la giassa per cunservè al frësc la roba da mangè. La giasèra, l’era el frigidèr di mé ricord da giuvu.
I sòn ricòrd d’in periodo che Lissòndria la surtiva da la guera, el strà i-jeru nénta asfaltaj, al massim i-jeru lastricaj con del prei-j con di marciapé ‘d granito.

L’arménta i la favu sü antlà cùrt e i la purtavu an slà sponda dricia ‘d Tani, an po’ pü an là del pont Forlanini. Quondi che Tani u stravacava , l’era lü che u s’ancaricava du smaltimént.
Dop avéi bütà ant’in cantön u “tulön”, l’è stacia la vòta del “filobus”, ‘nà nuvità per Lissòndria, el curiva l’ani 1952. 
E zà, isi i-jeru ani ‘d ricostrussiòn, tant’è che ant’èl 1956 i-jön inaugurà önchessei la piscina dèl Cumën ma, pénsa tè, au dì d’ancö anveci i trasport püblic i sòn an crisi e la piscina Comunàl ist’ani la droba nénta.
Se pò ‘t vori parlè dl’arménta, fra casunët brüzà, armènta sbati-jà lé e silos autumatizà demulì da di disgrassià (mai truvà) us dirréiva nà guera persa ant’i cunfrònt di demulitùr.

E sé ‘l basta nénta, dòp avéi sbatì zü el vègg Teatér Virginia Marini, ant’èl 1969 i-javu bità la prima préja du nòv teatér ma, onchessei ist,dop a vacadi kafkiane, ancò l’è an funsiòn anmà an minima part.

E po’ a i-juma la Sitadéla, ün monumént squatà anmà da cuc ani, da quondi chl’è stacia dacia an dutassiòn (ma nénta regalai-ja) di modo che i la bitu an cundissiòn d’essi recuperai-ja e drubai-ja. ‘Na uperassiòn che la finirà, second a cucadën, tra dez ani o zù da lé.

Chi conosce Alessandria non può non riconoscere i molti cambiamenti avvenuti dal dopoguerra ad oggi. Per poter conservare al fresco gli alimenti deteriorabili la ghiacciaia, era il frigorifero dei miei ricordi di gioventù.
Di un periodo in cui Alessandria usciva dalla guerra, le strade non erano certo asfaltate, tutt’al più lastricate con ciottoli di pietra e marciapiedi di granito. I rifiuti venivano raccolti all’interno dei cortili per poi finire sulla sponda destra del Tanaro al di là del ponte Forlanini. Le piene si occupavano dello smaltimento!
Più avanti nel tempo, archiviato il vecchio tramwai (per tutti u tulön), ecco spuntare il “filobus”, una novità per Alessandria, correva l’anno 1952.
E’ vero, quelli erano anni di ricostruzione tant’è che nel 1956 venne inaugurata anche la piscina Comunale ma, ironia della sorte, oggi i trasporti pubblici sono in crisi mentre la piscina quest’anno non aprirà. I rifiuti? Fra cassonetti bruciati, rifiuti abbandonati e silos a sparizione inutilizzabili (peraltro mai individuati) parrebbe ormai una guerra persa nei confronti dei vandali.
Non solo, abbattuto il vecchio Teatro Virginia Marini, nel 1969 venne posata la prima pietra del nuovo teatro ma, anche questo, dopo traversie kafkiane, oggi è attivo soltanto in minima parte.
E poi abbiamo la Cittadella, la fortezza scoperta solo negli ultimi anni, da che ci è stata affidata (non donata) affinché venga recuperata e utilizzata. Una operazione che, secondo alcuni, durerà una decina di anni circa.
16/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione