Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Acqui - Genova: i pendolari chiedono soluzioni sostenibili

Nell'assemblea alla Loggia dell'altra sera tutti i timori e i disagi di chi viaggia. Oggi incontro in Regione sul tema della riapertura delle scuole. "Tutti i treni devono fermare a Pra'"

 OVADA - Sarà decisivo l’incontro di oggi per sciogliere uno dei nodi fondamentali tra quelli emersi l’altra sera alla Loggia di San Sebastiano nell’assemblea convocata dal Comitato Pendolari Valli Orba e Stura per discutere delle criticità sull’Acqui – Genova bloccata per il crollo del ponte Morandi. Sarà una delegazione dei sindaci liguri a incontrare infatti l’assessore all’Istruzione del Comune di Genova, Ilaria Cavo, a pochi giorni dalla ripresa delle lezioni. Sul banco gli orari sul percorso treno e bus e la possibilità dei ragazzi di frequentare regolarmente. Un problema emerso con forza l’altra sera. “Studio a Genova – ha raccontato Emanuele, iscritto alle superiori – Gli adulti per lo meno hanno la macchina, io no. Mio papà lavora a Novi Ligure e non può accompagnarmi. A che ora dovrò svegliarmi e a che ora tornerò a casa?.

“Avevamo chiesto – ha spiegato Fabio Ottonello, presidente del Comitato – di fermare i bus a Pra’ perché ci sembrava fosse la soluzione più idonea. Dal 16 agosto ci dicono che i treni provenienti da Savona si fermeranno ma non succede. E i viaggiatori ogni giorno si vedono passare davanti i collegamenti, accumulando minuti di attesa”. Altra incognita: i tempi di riattivazione della linea. La Acqui – Genova passa sotto al moncone del ponte giudicato meno sicuro. Se per le altre due linee potrebbero bastare venti giorni dal dissequestro dell’area, in questo caso i tempi sono un vero e proprio rebus. La serata si è conclusa con un documento, redatto in corso d’opera, da proporre a Regione e vertici di Trenitali. Quattro i punti irrinunciabili: massima priorità alla rimozione dei detriti dopo lo sblocco da parte della magistratura, personale Rfi e Trenitalia nelle stazioni di snodo (Campo e Pra) a dare indicazioni ai passeggeri, la valutazione di soluzioni alternative all’attuale, utilizzo di treni adeguato all’utenza per numero di posti. “Nessuno – è intervenuta il sindaco di Rossiglione, Katia Piccardo – ha dormito sul problema. Il filo diretto con i sindaci del Basso Piemonte è continuo. E’ però indispensabile che siano coinvolti anche loro. A quasi un mese dal crollo del ponte, però, non abbiamo ancora informazioni certe sulla data di riapertura. L’attuale situazione non può essere ritenuta una valida soluzione”.

 

12/09/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano