Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Bilancio rosso per Saamo: i sindacati chiedono garanzie

Dai conti in rosso agli stipendi versati a singhiozzo ai dipendenti alla fine dello scorso anno. Ora la paura dei sindacati è che all’orizzonte possa profilarsi l’intenzione di mettere sul mercato la società.

OVADA - Si prospetta un passivo attorno ai 150 mila euro per Saamo, l'azienda di trasporto pubblico che sta attraversando un periodo di crisi. Dai conti in rosso agli stipendi versati a singhiozzo ai dipendenti alla fine dello scorso anno. Nei giorni scorsi anche i sindacati sono tornati a far sentire la loro voce. “Date le attuali condizioni dell’azienda, chiediamo che proprietà e vertici accettino un accordo per blindare le attuali condizioni contrattuali dei lavoratori e diano qualche garanzia in più per il futuro” è l’appello formulato da Giancarlo Topini, Filt Cgil. Il timore delle associazioni sindacali è che all’orizzonte possa profilarsi l’intenzione di mettere sul mercato la società.

“L’accordo – prosegue Topino – riguarderebbe le clausole sociali, metterebbe al sicuro i dipendenti in caso di cessione. A Novi il Cit ha seguito lo stesso percorso. L’Ovadese invece fa ancora resistenza. Avevamo già avanzato questa proposta. In assenza di una risposta positiva siamo pronti a scioperi e mobilitazioni”. La società ovadese, dal canto suo, conferma il piano di ristrutturazione aziendale - annunciato da tempo - per il triennio 2019-2021, basato perlopiù sul rapporto fra l'analisi delle corse, il numero di utenti sulle varie linee. “Informazioni – precisa l’amministratore Gian Piero Sciutto – che saranno poi utili all’ente esterno specializzato cui sarà affidato l’incarico di realizzare il piano vero e proprio. Vogliamo procedere entro il mese di febbraio con l’affidamento. Questo lavoro faciliterà comunque il compito”. Affidare all’esterno il progetto di riequilibrio è una condizione che, in base ai dettami della legge Madia, consentirà poi ai Comuni proprietari di intervenire legittimamente per ripianare le perdite. “I tempi sono stretti – taglia corto il sindaco di Ovada, Paolo Lantero - ma dobbiamo dare tempo ai tecnici di fare il loro lavoro”.

9/02/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano