Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Via Marconi: il cantiere infinito fa discutere

L'ammodernamento della traversa di corso Saracco avviato l'anno scorso è ripartito nei giorni scorsi. Botta e risposta in consiglio comunale sui tempi dei lavori pubblici in città

OVADA - Via Marconi, suo malgrado, è diventata un esempio emblematico. Si stava meglio quando si stava peggio. La tendenza ha provocato un recente botta e risposta piuttosto piccato tra il consigliere di minoranza Giorgio Bricola (Patto per Ovada) e l’assessore ai Lavori Pubblici Sergio Capello. I tempi di esecuzione dei cantieri, questo il nocciolo della questione sono troppo lunghi. La storia di via Marconi è ben nota: fu inserita la scorsa primavera tra gli interventi prioritari per il 2017, finanziata con buona parte dei 270 mila euro stanziati per la manutenzione degli asfalti. Non che non sia stato fatto niente. Il marciapiede, lo scorso anno ridotto a una sottile lingua di ghiaia e bitume, è stato rifatto. Per la strada i lavori sono ripresi qualche giorno fa. “C’è stato un problema – spiega lo stesso Capello – con l’impresa che si è aggiudicata i lavori alla quale sono state comminate le sanzioni previste dal capitolato d’appalto.

Appena possibile i lavori verranno terminati”. I residenti si lamentano perché la strada, ogni volta che piove, e anche negli ultimi giorni, diventa un acquitrino a causa delle buche e degli avvallamenti. “Capiamo – aggiunge Capello – che i tempi sono lunghi. Ma le procedure richiedono il loro tempo. La Provincia (diventata centrale unica di committenza dei lavori ndr) si prende tutto il tempo necessario per espletare la gara. Dopo l’aggiudicazione sono necessarie le verifiche”. Sempre che i ricorsi, è accaduto anche questo negli ultimi anni, non costringano a rifare tutto da capo. E così i giorni volano, la finestra dedicata ai lavori si fa sempre più stretta anche con l’anticipazione del bilancio di previsione cui è condizionata la possibilità di partire. “Quello che non accetto – prosegue Capello – è che si dica che non è stato fatto niente. La manutenzione era l’impegno che c’eravamo presi quattro anni fa e lo stiamo portando avanti. Prima il centro storico, adesso la rotonda e la fontana delle medie. I lavori si fanno e sono sotto gli occhi di tutti”. 

16/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini