Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Acqui - Genova: l'assessore replica ai pendolari

Dal capoluogo ligure la risposta del responsabile dei trasporti, Gianni Berrino, alle critiche avanzate dal Comitato Pendolari Valli Orba e Stura, non si è fatta attendere. "Richieste fuori luogo"

OVADA - Non è piaciuto ai pendolari della linea ferroviaria Acqui-Ovada-Genova l'inserimento dei nuovi treni "Jazz", ritenuti - soprattutto - poco capienti rispetto ai modelli precedenti. Dal capoluogo ligure la risposta dell’assessore regionale ai trasporti, Gianni Berrino, non si è fatta attendere. "I cinque nuovi convogli, che sono stati acquistati da Trenitalia in base al nuovo contratto di servizio stipulato con la Regione e che stanno entrando in servizio in Liguria, hanno elevati standard di comfort per i passeggeri e le caratteristiche tecniche, che meglio si sposano con le tratte e le fasce orarie in cui circolano. Ricordo che i Jazz sono progettati secondo nuovi standard di sicurezza e accessibilità, con 309 posti a sedere, più due per disabili in carrozzella". Secondo il Comitato Valli Stura e Orba la Regione starebbe facendo circolare questi nuovi modelli in orari strategici, in modo da non palesare il deficit strutturale offerto dalle carrozze.

Berrino, tuttavia, sottolinea la modernità dei Jazz, punta di diamante di un parco mezzi che si sta rinnovando progressivamente. "Sono dotati di impianto di videosorveglianza “live” globale a bordo - prosegue l'assessore -, schermi luminosi interni visibili da ogni punto del treno per le informazioni, impianto di sonorizzazione, scritte in braille, prese di corrente a 220 V per la ricarica di cellulari e PC portatili. Hanno inoltre un ingresso a raso che facilita l'accesso anche per le persone con difficoltà motorie. Le richieste, arrivate a mezzo stampa, da parte di alcuni comitati di pendolari in queste ore sono decisamente pretestuose e fuori luogo: con questi nuovi treni svecchiamo decisamente l’età media del parco mezzi in circolazione in Liguria che arriverà a 17 anni nel 2023, quando saranno in circolazione tutti i 45 nuovi treni". Berrino puntualizza poi che treni dalle dimensioni maggiori non sarebbero stati adatti alle fasce orarie in cui i Jazz sono in servizio. Inoltre, come emerso durante incontri al ministero dei trasporti, "l’acquisto dei treni Jazz era in linea con i parametri dei costi preventivati". 

13/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano