Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Plastipol e Cantine Rasore: ko che fanno male

Non basta alla maschile un punto conquistato sul campo del Montanaro penultimo. Ragazze di Ceriotti battute dell'Igor e risucchiate in zona playout
 OVADA - Un sabato da dimenticare quello di Plastipol e Cantine Rasore sconfitte rispettivamente a Caluso dal Montanaro e a Trecate dall’Igor. La maschile ha ceduto al tie break contro una formazione penultima al termine di una gara giocato molto al di sotto delle possibilità. Ancora più enigmatica la femminile che a pochi giorni dal successo interno con Asti di fatto non è mai entrata in partita subendo un nettissimo 3-0.

I maschi E’ andata sotto di due set la Plastipol contro un Montanaro che ha avuto l’indubbio merito di saper aspettare gli errori dei biancorossi. Parziali: 25-21, 26-24. La reazione ovadese è arrivata dal terzo parziale in poi e si è concretizzata con un doppio 25-20. A riprova di una serata molto negativa Ovada si è nuovamente impantanate in un tie break in cui i padroni di casa hanno presto fatto il vuoto per chiudere 15-7. “Sicuramente un passo indietro – il commento al termine del direttore sportivo Alberto Pastorino – rispetto alle ultime uscite ed un risultato molto negativo. La squadra ha faticato in attacco, giocando con efficacia solo quando ci siamo affidati ai centrali”.

Tabellino: Nistri, Bobbio 4, Mangini 24, Romeo 3, Morini 11, Baldo 14. Libero: Guazzotti. Ut.: Bonvini 4, Castagna 6, S. di Puorto 1, Repetto, Ghiotto (2° Libero). All.: Ravera.

Le ragazze Davvero pesante la battuta d’arresto per la Cantine Rasore che in un colpo solo vede una classifica rimescolata e il più che probabile allargamento dei playout salvezza fino alla quint’ultima formazione per il concomitante rischio di retrocessione dalla B2 del Canavese. Formazione di Ceriotti che ha davvero faticato. Eloquenti i parziali: 25-20, 25-8, 25-18. “Abbiamo confermato – ha commentato al termine il ds Alberto Pastorino – tutte le nostre difficoltà a giocare contro formazioni che hanno un muro alto e fisico. La prestazione è stata a tratti sconcertante visto che arrivavamo dalla bella vittoria contro Asti. Ora probabilmente non basterà vincere gli scontri diretti rimanenti per essere certi della salvezza, ma sarà necessario andare a raccogliere qualche punto pesante in trasferta”. 

12/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova