Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Plastipol e Cantine Rasore: ko che fanno male

Non basta alla maschile un punto conquistato sul campo del Montanaro penultimo. Ragazze di Ceriotti battute dell'Igor e risucchiate in zona playout
 OVADA - Un sabato da dimenticare quello di Plastipol e Cantine Rasore sconfitte rispettivamente a Caluso dal Montanaro e a Trecate dall’Igor. La maschile ha ceduto al tie break contro una formazione penultima al termine di una gara giocato molto al di sotto delle possibilità. Ancora più enigmatica la femminile che a pochi giorni dal successo interno con Asti di fatto non è mai entrata in partita subendo un nettissimo 3-0.

I maschi E’ andata sotto di due set la Plastipol contro un Montanaro che ha avuto l’indubbio merito di saper aspettare gli errori dei biancorossi. Parziali: 25-21, 26-24. La reazione ovadese è arrivata dal terzo parziale in poi e si è concretizzata con un doppio 25-20. A riprova di una serata molto negativa Ovada si è nuovamente impantanate in un tie break in cui i padroni di casa hanno presto fatto il vuoto per chiudere 15-7. “Sicuramente un passo indietro – il commento al termine del direttore sportivo Alberto Pastorino – rispetto alle ultime uscite ed un risultato molto negativo. La squadra ha faticato in attacco, giocando con efficacia solo quando ci siamo affidati ai centrali”.

Tabellino: Nistri, Bobbio 4, Mangini 24, Romeo 3, Morini 11, Baldo 14. Libero: Guazzotti. Ut.: Bonvini 4, Castagna 6, S. di Puorto 1, Repetto, Ghiotto (2° Libero). All.: Ravera.

Le ragazze Davvero pesante la battuta d’arresto per la Cantine Rasore che in un colpo solo vede una classifica rimescolata e il più che probabile allargamento dei playout salvezza fino alla quint’ultima formazione per il concomitante rischio di retrocessione dalla B2 del Canavese. Formazione di Ceriotti che ha davvero faticato. Eloquenti i parziali: 25-20, 25-8, 25-18. “Abbiamo confermato – ha commentato al termine il ds Alberto Pastorino – tutte le nostre difficoltà a giocare contro formazioni che hanno un muro alto e fisico. La prestazione è stata a tratti sconcertante visto che arrivavamo dalla bella vittoria contro Asti. Ora probabilmente non basterà vincere gli scontri diretti rimanenti per essere certi della salvezza, ma sarà necessario andare a raccogliere qualche punto pesante in trasferta”. 

12/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi