Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Bilancio: tra le spese che aumentano, "950 mila euro di riscaldamento"

Palazzo Rosso sta affrontando il cosiddetto "assestamento del bilancio di previsione 2015": somme in entrata e in uscita che aumentano o diminuiscono. Tra i casi più singolari c'è l'erronea previsione di spesa per "conguagli del riscaldamento", ma anche aumenti per la tassa di suolo pubblico per i parcheggi di Atm
 ALESSANDRIA - Come un buon “padre di famiglia” Palazzo Rosso deve riprendere in mano tutti i conti del Bilancio di previsione 2015 per quello che è il cosiddetto “assestamento di bilancio” da fare entro il 30 novembre. Che significa guardare se quanto era stato preventivato nei diversi capitoli di spesa e di entrata corrisponde oppure se in realtà serve aggiungere o togliere risorse.

In vista dell'approvazione da parte del Consiglio comunale, con ogni probabilità già nella seduta di giovedì pomeriggio, la commissione Bilancio ha affrontato materia per materia, cifra per cifra le modifiche “di denaro”. Così ogni dirigente ha portato il quadro del proprio settore di competenza. Così ad esempio è stato “strappato un sorriso” sulle minori spese per il servizio mensa dei dipendenti comunali, ovvero i famosi buoni pasto, dopo il raggiungimento di un accordo sindacale: 50 mila euro in meno rispetto alle iniziali previsioni.
A suscitare stupore sono state le “sole uscite” (senza nessuna nuova entrata) in due campi come quelli di luce e riscaldamento. “Maggiori spese per 30 mila euro per la manutenzione dell'illuminazione pubblica, dovuta a danneggiamenti o incidenti – ha spiegato il dirigente, ingegner Marco Neri – e 950 mila euro per il pagamento di conguagli per anni precedenti di riscaldamento”. Un aumento quasi del 40%? “Forse era stata sottostimata la cifra iniziale, ma la differenza di spesa porta a ritenere inaffidabile la stima iniziale” ha commentato l'ex sindaco Piercarlo Fabbio. Si tratta di “contestazioni” con Amag per conguagli che risalgono ad anni precedenti, a cui si deve aggiungere “l'erronea valutazione” per un servizio che sarebbe dovuto partire per il riscaldamento e che invece è ancora fermo (si tratta del caso di affidamento tramite project financing alla ManutenCoop del servizio). Sulla stessa linea interviene anche il consigliere Domenico Di Filippo per l'aumento di spesa della luce. “Non andiamo certo verso la strada del risparmio”. Ma la maggiore spesa sembra essere determinata non da “aumenti nei costi di gestione” o di nuovi impianti, ma per “danneggiamenti” causati alla rete già esistente, “che è una delle più estese a led rispetto a molti altri comuni”.

Altra modifica “spese” è connessa al “potenziamento del controllo sul territorio” da parte del corpo di Polizia Municipale. “123 mila euro in più che verranno spesi per cosa?” chiede Di Filippo, facendo riferimento alla necessità ad esempio di tornare a far funzionare il sistema delle telecamere di videosorveglianza, viste le poche rimaste funzionanti. “Si tratta di operazioni di controllo sul territorio, legate al pattugliamento e alle attività di verifica delle coperture assicurative sui veicoli circolanti in cittàha spiegato il comandante vicario, Alberto Bassani. Lavoro che si è già concretizzato nei risultati raggiunti: “in otto mesi del 2014 sono stati 66 i veicoli controllati e sequestrati. Oggi con un potenziamento dell'attività questo numero è triplicato, con 200 veicoli sequestrati per mancanza di assicurazione”.

Ma se alcune richieste “in uscita” sono consistenti, altrettanto si può dire per alcune “entrate”. Così ad esempio è da modificare la somma che entra nelle casse dell'amministrazione comunale dal pagamento della Cosap per i parcheggi che sono gestiti da Atm. “Da 900 mila euro stimati inizialmente se ne devono aggiungere altri 290 mila”. Che sono quelli richiesti alla partecipata del trasporto pubblico locale per la tassa di suolo pubblico dei parcheggi, e su cui la stessa azienda in più occasione “ha storto il naso”.

Tra chi chiede e chi da, “comunque la spesa si dilata notevolmente rispetto alle previsioni” ha commentato Fabbio, presidente di una parte dell'opposizione, ricordando come in più occasioni l'amministrazione dichiari di aver attuato un “risanamento” e di aver superato ormai la fase di “dissesto” con risparmi e sacrifici. “Forse la spiegazione (politica ovviamente) dovrebbe darcela l'assessore al Bilancio” prosegue Fabbio. Che però non si è visto né nella seduta mattutina della commissione, né in quella pomeridiana, con insoddisfazione e “fastidio” da parte dei rappresentanti seduti tra i banchi della minoranza. Ma lo spettacolo deve ancora terminare, visto che a farsi attendere è anche il parere dei Revisori dei Conti.....
25/11/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano