Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Coro di consensi per medicina ad Alessandria: "saranno 300 i medici a regime attivati sul territorio"

Presentato ufficialmente presso il Disit, che ospiterà le lezioni del triennio, il nuovo corso di medicina che partirà già nel prossimo anno accademico, con il test di ammissione fissato al 4 settembre. L'obiettivo è puntare a un percorso che garantisca anche specializzandi e connessioni con le eccellenze della provincia
ALESSANDRIA - "Non vediamo l'ora che ci siano 300 nuovi camici bianchi impegnati all'ospedale e nelle altre strutture del territorio": la frase, più volte ripetuta nella conferenza stampa svoltasi lunedì 2 luglio presso la sede del Disit, il dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologia della sede alessandrina dell'Upo, sottolinea il grande entusiasmo che porta con sé l'inaugurazione del corso di medicina.

Cinquanta posti per anno, lungo i 6 anni necessari a conseguire la laurea, fanno infatti 300, ma non tutti i tirocinanti saranno impegnati direttamente in ospedale. L'obiettivo è quello di sfruttare tutte le risorse del territorio per fornire agli aspiranti medici competenze etorogenee e variegate, in collaborazione anche con le strutture dell'Asl e con l'Ordine provinciale dei medici.

Sullo sfondo una sfida capace fin da subito di rendere l'aumento dei posti di medicina a Novara (che ufficialmente ha ricevuto l'autorizzazione, girata poi sulla sede alessandrina) una scommessa per tutta l'Università del Piemonte Orientale e del territorio della provincia (e forse in prospettiva della regione tutta): nell'ex sede dell'Expo, a Rho, aprirà infatti a breve il nuovo polo della Fondazione Human Technopole, un centro di ricerca con mire internazioni e grande capacità attrattiva, almeno potenziale, per medici e ricercatori, una concorrenza di primo livello per la giovane università del nostro territorio.

La strada da intraprendere potrebbe allora essere quella di puntare in prosepettiva sulle potenzialità della nostra terra, quali la creazione di un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, con particolare attenzione alle patologie ambientali, in cui Casale Monferrato, con la triste vicenda legata all'amianto, ha saputo diventare eccellenza nella ricerca. 

Intanto dal prossimo anno accademico partiranno i corsi in città, inizialmente senza particolare aggravio di costi, considerando che il primo triennio avrà molte materie in comune con i corsi di biologia già attivati da tempo presso il Disit, che ospiterà la didattica. 

La conferenza stampa di presentazione ha visto alternarsi le voci di tanti protagonisti che hanno reso questo risultato possibile, o che ora saranno chiamati a raccoglierne il testimone e a valorizzare questa opportunità, tutti uniti nell'esprimere entusiasmo per un percorso che ora finalmente esiste ma che da solo non basta per garantire un risultato concreto, consci quindi che le istituzioni dovranno continuare a lavorare insieme e speditamente: a partire dal rettore Cesare Emanuel, fino ai suoi successori Gian Carlo Avanzi (che entrerà in carica da novembre) e Roberto Barbato (che sarà il suo prorettore e la presenza costante ad Alessandria), l'assessore alla Sanità regionale Antonio Saitta, l'ex Ministro della Salute Renato Balduzzi, Roberto Molina, che ha portato i saluti i saluti del sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, Riccardo Molinari (oggi deputato ma già in passato assessore regionale con delega all'Università), il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria Pier Angelo Taverna, e poi Giacomo Centini (direttore dell’azienda ospedaliera), Antonio Brambilla (direttore dell’Asl) e Mauro Cappelletti (presidente dell’ordine provinciale dei medici). 
3/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo